Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico

Statistiche
  • Views Home Page: 401.183
  • Views Posts: 1.344.675
  • Views Gallerie: 539.261
  • n° Posts: 520
  • n° Commenti: 293
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

Shuttle XS 3510MA – Un desktop tascabile

Inizio i post di quest’anno con la recensione di un prodotto piuttosto particolare.
È un prodotto tedesco, viene spesso messo in premio da PC Professionale, ha un designa ricercato e una grandissima attenzione agli spazi.
Si tratta del Shuttle XS 3510MA, un mini pc desktop dal fattore di forma unico nel suo genere. È in sostanza uno scatolotto, grande più o meno come un hard disk esterno da 3,5 pollici, ma dotato di tutto.
Lo spessore infatti è di soli 38mm.
Viene venduto in una comoda e pratica valigetta di cartone con tanto di manico, come si vede nell’immagine qua sotto.

Una volta aperta, questo è il suo contenuto.

 

Si possono innanzitutto notare diverse cose:

Il design dello chassis, ricco di prese d’aria disegnate con una certa cura.

L’alimentatore molto piccolo (paragonato a quello dei portatili, ad esempio).

La mancanza di tutto il resto!

Ebbene sì, questo è solo il cuore del sistema. L’acquirente dovrà poi provvedere per conto proprio a monitor, tastiera e mouse.

Tutto è concentrato nello chassis, la cui forma si può apprezzare meglio nell’immagine qua sotto.

Nell’immagine qua sotto, invece, le caratteristiche tecniche, che sono di tutto rispetto.

Lo spazio su disco direi che non manca, sono ben 500 GB, la Ram è 2 GB (forse il minimo accettabile al giorno d’oggi), e il processore Atom D510 a basso consumo. Non manca un masterizzatore Dvd, apribile in verticale sul lato frontale.  

Il case infatti non dispone di ventole, ed è assolutamente silenzioso (si percepisce appena il frullare dell’hard disk, ma bisogna proprio avvicinare di molto l’orecchio). Questo spiega anche la piccolezza dell’alimentatore. Secondo il produttore, il consumo energetico a pieno carico non supera i 30 watt, ed è un valore davvero modesto.

Si può quindi tenerlo acceso per tutto il tempo che si vuole senza veder lievitare la propria bolletta della luce.

 

Un aspetto che mi è piaciuto è la grande dotazione di porte.

Ci sono ben 5 porte USB, di cui una sul davanti, e pure una porta HDMI.

Manca la porta Usb 3.0, ma si può supplire con un adattatore Express Card.

Per capire come assemblare poi il sistema completo – casomai ce ne fosse bisogno – all’interno c’è questo coloratissimo e chiarissimo dépliant di installazione (anche in italiano).

Nel Cd di ripristino ci sono driver e sistema operativo – Windows 7 Home Premium – nel caso si dovesse procedere ad una riformattazione.

È presente anche una chiavetta Usb (2 FB) contenente del materiale di supporto: pdf con le specifiche tecniche, immagini e loghi.

Nella cartella “videos” c’è un carino cartone animato di Big Buck Bunny ad altissima definizione (basta pensare che soli 9 minuti pesano addirittura 700 MB circa).

 

Dopo avere con pazienza recuperato monitor esterno, tastiera, mouse e cavetti vari, si può finalmente apprezzare il suo silenziosissimo funzionamento. Fa un certo effetto lavorare con un pc così piccolo che si può addirittura – come riporta l’immagine iniziale – agganciare dietro al monitor stesso (con un accessorio acquistabile a parte).

Notevole poi la presenza massiccia di porte Usb: si può collegare di tutto senza paura di restare con qualche periferica non collegata (e qua non capisco come mai tanti pc di altre marche si ostinino a proporre le ormai insufficienti 3 porte Usb).

 

Il prezzo di questo prodotto, a seconda di dove lo si acquista, oscilla intorno alle 500-550 euro.

Non è pochissimo, bisogna ammetterlo, ma vale la spesa di avere un pc desktop dalla forma pressochè unica.

Bisogna solo ricordarsi, prima dell’acquisto, di disporre di tutto l’occorrente: monitor, tastiera, mouse e cavi.

Riguardo a questi ultimi, avrei apprezzato se la Shuttle avesse inserito perlomeno un cavo per il monitor.

Ho dovuto infatti acquistarlo a parte, dato che il mio vecchio monitor non lo aveva più.

 

Per il resto, come detto, massima soddisfazione per il normale lavoro di ufficio e poco più (ricordarsi che il processore è pur sempre un Atom), ed anche il contatore energetico tira un sospiro di sollievo.

 

Categoria: Tecnologia
mercoledì, 05 gen 2011 Ore. 10.58
Mappa
Calendario
dicembre 2017
lmmgvsd
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003