Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico

Statistiche
  • Views Home Page: 396.341
  • Views Posts: 1.331.075
  • Views Gallerie: 526.625
  • n° Posts: 520
  • n° Commenti: 292
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

ASUS Fonepad 7 ME373CG-1Y002A



A fine luglio, giusto come regalo per il mio compleanno, ho acquistato il mio primo tablet, ed ho scelto l’Asus Fonepad 7 modello ME373CG-1Y002A.
Ho approfittato di una promozione “Sottocosto” presso il Marco Polo Shop e l’ho pagato 129 euro, un prezzo che nemmeno Amazon riusciva a superare e che, tra l’altro, anche sulla stessa Marco Polo, pochi giorni dopo, è balzato al prezzo (valido anche adesso) di 169 euro. 
È stato quindi un acquisto azzeccato, perlomeno come prezzo. 
Mi serviva un tablet che fosse anche 3G, dato che quando sono in montagna non ho la connessione Wi-Fi disponibile, e magari utilizzabile anche come secondo telefono. 
Certo, all’inizio mi ero orientato sul Nexus, con caratteristiche hardware di un altro livello. 
Il prezzo però, per la versione 3G, era (ed è tutt’ora) circa il triplo del Fonepad 7, e comunque quest’ultimo già offriva quanto necessitava a me. 

Lo sto usando ormai da oltre un mese, e posso dire di esserne piuttosto soddisfatto.
Subito dopo la sua accensione e il collegamento ad internet, ha provveduto da solo a scaricare sia l’aggiornamento da Android 4.2 a 4.4.2 (Kit Kit),
sia il corposo aggiornamento del firmware. 
Dopo questo aggiornamento, le foto del tablet che appaiono dappertutto (anche sullo stesso sito Asus), diventano piuttosto fuorvianti, dato che l’interfaccia è cambiata parecchio. 
In particolare, i 4 pulsanti virtuali che appaiono in fondo alla schermata, diventano solo 3: 

- Tasto Indietro
- Tasto Home
- Tasto Applicazioni Aperte

Soprattutto l’ultimo tasto diventa imprescindibile, dato che permette di vedere tutte le applicazioni aperte ed eventualmente terminarle. 

Per quanto riguarda la confezione Asus, ho trovato un po’ scomoda la mancanza di un auricolare (che va quindi acquistato a parte, a filo o bluetooth che sia).
Ho provato un paio di volte ad effettuare una telefonata appoggiandolo direttamente all’orecchio. 
Certo, si sente ottimamente (il volume è anche elevato), ma il peso (circa 330 gr.) e l’ingombro sono oltre il limite del consentito per poterlo usare in questa modalità. 

Su come è diventata l’interfaccia, ecco una foto dove sono già presenti alcune App scaricate da me nei giorni successivi. 


Come si vede ci sono 4 icone fisse nella barra inferiore di accesso rapido: 

Telefono – Rubrica – Browser – Fotocamera

ed in mezzo a loro il pulsante per accedere alle impostazioni. 

Asus, però, fornisce il suo Fonepad 7 già con parecchie app preinstallate, di cui alcune appaiono qua sotto. 


A queste vanno aggiunte anche quelle di Google, come raffigurate qua sotto. 



Per le mie esigenze ho subito installato la app del Kindle e, tramite il Wi-Fi, posso sincronizzarlo con i miei libri acquistati. 
Il tablet dispone di una comoda modalità “Lettura” che abbassa un po’ la luminosità e soprattutto conferisce al testo scritto
un aspetto “carta-stampata-giallina” che dovrebbe stancare meno la lettura (ed in effetti così diventa abbastanza simile al Kindle). 

Per tutte le considerazioni tecniche su questo tablet, rimanderei alla recensione che ho inserito su Amazon Italia

In questo post vorrei solo soffermarmi su di un paio di caratteristiche – positive e negative – che mi hanno colpito. 
Innanzitutto la memoria: 8 GB non sono tantissimi e, se non si spostano i dati sulla microSD esterna (nel mio caso da 32 GB, che è il taglio massimo accettabile),
si corre il rischio di saturarla rapidamente. 
Qua l’utile grafico che mostra come viene utilizzata, e può diventare un aiuto nel caso si voglia ottimizzare il sistema. 


Un altro aspetto poco simpatico è la mancanza di un flash led per la fotocamera, che la rende utilizzabile praticamente solo in
condizioni di illuminazione ottimali (le macro, comunque, escono decisamente bene).

Infine un aspetto positivissimo che posso sfruttare sia grazie alla presenza dell’Open WiFi Milano vicino a casa mia
(che mi offre GB oltre al mio striminzito piano tariffario), sia – abitando a Milano – l’offerta della catena alberghiera Westin Palace che,
utilizzando la app preinstallata Press Reader, mi fa leggere ogni giorno GRATUITAMENTE diversi quotidiani e riviste nazionali e internazionali:
Il Corriere della Sera, Libero, La Gazzetta, Il Sole 24 Ore, giusto per fare alcuni nomi. 
Qua come appare la schermata. 


Mentre qua sotto come appare il Corriere. 


Che dire, per ora mi sto trovando molto bene. Non è il massimo che offre il mercato (come sottolineo nella recensione su Amazon),
ma per le mie esigenze è – per ora – più che sufficiente. 
Categoria: Tecnologia
lunedì, 01 set 2014 Ore. 16.00
Mappa
Calendario
ottobre 2017
lmmgvsd
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003