Estering


Il blog di Ester Memoli


*****************************************************

La mia rubrica su Techeconomy.it Managed Services


*****************************************************

La mia videointervista su MSN Video


*****************************************************

Colored Glances. Io e i miei colori. Il blog di un hobby colorato.


*****************************************************


*****************************************************

***DotNetHell.it TEAM***

*****************************************************

*****************************************************


Sondaggio
Tenere la vita reale separata da quella online?

Si
No

Mappa

Quando una sottomarca è veramente di qualità inferiore?

Vicino casa ho un supermercato di una catena abbastanza nota ai più come "supermercato di sottomarche".

A me viene comodo perchè sta veramente a 50mt da casa e riesco a risparmiare anche qualche euro. Le prime volte ero scettica, mi chiedevo "Ma sarà commestibile questa roba?".

E ho iniziato a comprare alcune cose...Con grande sorpresa ho potuto notare che:

- La provenienza di tante marche "sconosciute" è puramente italiana. Penso sia una gran bella cosa comprare questi prodotti. Si dice sempre "Compra made in Italy", se non cominciamo della cose di tutti i giorni da dove iniziare?

- I prodotti dolciari tipo cioccolata, cereali e biscotti tedeschi sono avanti una spanna rispetto ai prodotti commerciali che ogni giorno vediamo in tv.

- Occorre leggere bene chi produce certi prodotti, si avranno piacevoli sorprese. Porto 2 esempi che tengo a mente:
     - Tonno EL DRAGON. Chi mai lo comprerebbe? Leggi leggi, è prodotto dalla nota PALMERA.
     - Biscotti e snack TERRANOVA. E chi è? Beh, è del gruppo LORENZ BAHLSEN!!! Chi non ha mai mangiato i gustosi snack della Bahlsen??

Una nota curiosa, riguarda una storia che iniziò nel 1997 e una marca di yoghurt.
Dietro casa a Cava c'era uno di questi supermercati (ma di un'altra catena). Tra le altre cose vendeva degli yoghurt in vasetti monoporzione. Costavano 300 lire l'uno.
Era uno yoghurt squisito. Mi dicevo: "ma come fa a essere così buono? e costare così poco?"

Cari ragazzi, al giorno d'oggi noi facciamo l'amore con il sapore di quello yoghurt. E con i 55 centesimi a vasetto che oggi costa.

Si, erano yoghurt MULLER. E finquando non ci stordivano con la loro pubblicità erano una banale sottomarca. Ma il sapore era sempre lo stesso: eccellente.

Continuerò a spendere nel supermercato vicino casa, e aspetterò di vedere una di quelle sottomarche diventare famosa :)
Categoria: Attualità
giovedì, 19 gen 2006 Ore. 10.18
Archivio Posts
Anno 2015

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005
Statistiche
  • Views Home Page: 887.807
  • Views Posts: 3.476.542
  • Views Gallerie: 1.868.772
  • n° Posts: 1.246
  • n° Commenti: 4.073
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003