Estering


Il blog di Ester Memoli


*****************************************************

La mia rubrica su Techeconomy.it Managed Services


*****************************************************

La mia videointervista su MSN Video


*****************************************************

Colored Glances. Io e i miei colori. Il blog di un hobby colorato.


*****************************************************


*****************************************************

***DotNetHell.it TEAM***

*****************************************************

*****************************************************


Sondaggio
Tenere la vita reale separata da quella online?

Si
No

Mappa

La questione Google e bullismo: di chi è la colpa?

Dopo i recenti video che mostravano episodi di bullismo pubblicati online, subito si è corsi ad incriminare Google Italia perchè non ha vigiliato sui contenuti del materiale multimediale disponibile su Google.it

Secondo me ci sono diverse cose che non quadrano e che fanno perdere il vero nocciolo della situazione. A mio parere non si può incriminare il mezzo di diffusione, sebbene da parte di Google ci debba essere un controllo un pò più approfondito dei video caricati, bensì è sufficiente e necessario andare a rintracciare i veri colpevoli del misfatto.
Per questo aspetto, da parte di Google (o chicchessia) ci deve essere massima collaborazione e soprattutto la richiesta a priori di dati identificativi e verificabili di chi carica materiale sul sito.

Ma il punto che si perde di vista è che dei VERI ragazzini picchiano coetanei disagiati o meno, che compiono atti vandalici in classe (e fuori) e che molto spesso i genitori difendono l'operato dei figli dicendo che è impossibile che loro figlio abbia fatto una cosa del genere o che sono i professori a non saper gestire l'aula.

Io sarei per i "lavori forzati" (lavori socialmente utili, ad esempio, sotto lo stretto controllo di vigilanti. Oppure in una bella caserma militare) per quelle persone che vengono chiaramente riconosciute nei video: una semplice sospensione da scuola non può fare altro che piacere allo studente indisciplinato, perchè se apprezzasse la scuola penserebbe a studiare e non a distruggerla.

Il bullismo esiste da sempre, la tecnologia permette solo la diffusione delle immagini e purtroppo l'emulazione da parte di chi ancora non ci aveva pensato.

Incriminano Google, c'è YouTube. Incrimini YouTube c'è Pincopallo...e quando li avranno incriminati tutti ci saranno sempre i siti personali. Inizieranno a incriminare i provider? A quando anche i provider telefonici?
Categoria: Attualità
lunedì, 27 nov 2006 Ore. 11.05
Archivio Posts
Anno 2015

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005
Statistiche
  • Views Home Page: 887.402
  • Views Posts: 3.475.573
  • Views Gallerie: 1.867.228
  • n° Posts: 1.246
  • n° Commenti: 4.073
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003