Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico
Statistiche
  • Views Home Page: 489.509
  • Views Posts: 1.566.076
  • Views Gallerie: 738.815
  • n° Posts: 520
  • n° Commenti: 301
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

Recensione libro Foundations of SQL Server 2005 Business Intelligence (Apress)

Non mi vergogno a dirlo che ho ordinato questo libro non tanto per il suo argomento principale, ovvero la Business Intelligence su SQL Server 2005 e gli Analysis Services in particolare, quanto su argomenti di “contorno”, ovvero i capitoli dedicati agli Integration Services e ai Reporting Services. Contorno poi neanche tanto, dato che, come scrive l’autrice, la parte di “travaso” dati (tramite gli Integration Services, SSIS) e la loro visualizzazione all’utente attraverso i Reporting Services (RS), copre oltre il 75% del tempo e del lavoro per chi si occupa di Business Intelligence (BI) in ambito Microsoft.

Come avevo notato dall’indice in pdf consultabile dal sito della Apress, questo libro era quello giusto per me. Volevo infatti approfondire l’uso del pacchetto SSIS per le fasi ETL, ovvero “Extract, Transform and Load”

ed avere una corposa infarinatura sui nuovi report. Il resto poi lo avrei scoperto smanettandoci un po’.

Chi vuole infatti approfondire questi argomenti, deve infatti fare una scelta. O ci si rivolge ai libri che trattano “in toto” SQL Server 2005, dove gli SSIS e i RS hanno come minimo un capitolo dedicato, oppure ci si lancia nei libri dedicati, spesso tomi di 700 e oltre pagine, che sviscerano ogni possibile aspetto e anfratto dell’argomento. Per i miei scopi però nessuno dei due approcci era quello ideale. Il primo perché non forniva un sufficiente approfondimento nemmeno per chi volesse utilizzare questi tool senza essere un BI developer specializzato, mentre il secondo, di contrasto, entrando troppo nei dettagli, richiedeva troppo tempo e fatica, fornendo così tanti concetti ed informazioni che raramente sarebbero stati utilizzati.

Questo libro di Lynn Langit invece, una esperta di BI e “Developer Evangelist” in Microsoft, si trova in una felice posizione intermedia, fornendo tre capitoli sugli Integration Services (base, intermedio ed avanzato) ed uno, ma completo, sui Reporting. Il tutto in un libro maneggevole e trasportabile, di meno di 400 pagine. Lo ordinai quindi sicuro di aver fatto una buona scelta.

Una spiacevole sorpresa l’ho però avuta più tardi. Questo libro, perlomeno la versione in mio possesso, termina a pag. 302, quasi alla fine del capitolo 12 (“Reporting Tools”). La pagina successiva infatti diventa la 351, più o meno alla metà del 14 esimo e ultimo capitolo (“Integration with Office 2007”), saltando quindi completamente il capitolo 13 dedicato all’amministrazione degli Analysis Services (“SSAS Administration”).

Dopo queste 17 pagine, parziali, dell’ultimo capitolo, seguono le ben 28 pagine del dettagliato indice analitico.

Al termine, incredibilmente, il libro riprende ancora dalla pagina 351, riportando pari pari l’ultima parte dell’ultimo capitolo e di nuovo tutto l’indice analitico.

Uno sbaglio inspiegabile, considerando la qualità dei libri Apress, e mi sorprende molto il fatto che nessuno se ne sia accorto. Si tratta infatti di parecchie pagine, replicate 2 volte, in un libro di nemmeno eccessive dimensioni; una svista non certo da poco.

Un vero peccato, perché l’impaginazione e la formattazione delle pagine sono davvero ottime, e l’unione di testo e immagini è organizzato con grande cura. Anche la rilegatura è piacevole, flessibile il giusto da consentire un uso comodo del libro. Quindi, fare attenzione, al momento dell’acquisto, che il libro non presenti gli stessi problemi del mio. Eventualmente trovare il modo di farselo cambiare. Per mia fortuna le pagine mancanti non riguardavano gli argomenti di mio interesse, se non le ultime 2/3 pagine del 12esimo capitolo sui report.

Chiusa questa doverosa mega parentesi, veniamo al contenuto.

Sono partito subito dal terzo capitolo, dove si introducono gli SSIS. L’autrice usa un inglese comprensibile, senza slang o parole difficili. La parte teorica non è poca, ma è affiancata da tanta pratica, mostrando passo passo come portare a termine un’attività, il tutto coadiuvato con tante efficaci immagini, grandi quando serve osservare il dettaglio, e più piccole quando questo non è necessario. Quello che mi è piaciuto di questo capitolo, a differenza di altri libri sul medesimo argomento che ho consultato, è che ci risparmia l’arido ed inutile elenco di tutte le caratteristiche o delle sezioni dell’ambiente di sviluppo (il BIDS, Business Intelligence Development Studio), dando invece molta importanza al sapere fare le cose. Nelle sole 21 pagine di questo capitolo, l’autrice mostra come si usa il Wizard di Importa/Esporta Dati, come si modifica il package appena creato utilizzando il BIDS, e persino come si aggiungono trasformazioni, come le colonne calcolate e il sorting. In meno di un’ora sapevo già crearmi il mio primo non banale package, non male. Ho saltato quindi bellamente 4 capitoli per arrivare subito all’ottavo, dedicato al primo approfondimento dei SSIS. Questo capitolo, di lunghezza doppia rispetto al precedente, entra veramente nel dettaglio dei package SSIS, e ritengo che le informazioni che esso offre potranno coprire oltre il 90% delle esigenze di chi utilizza questo tool non come attività principale.

Ovviamente questi tre capitoli sugli Integration Services non sono a tenuta stagna rispetto a tutto il resto del libro, e spesso, al loro interno, hanno riferimenti a cubi e dimensioni illustrati negli altri capitoli. La loro lettura comunque è abbastanza autonoma e svincolata, e non inficia la loro utilità per chi volesse approfondire solo il discorso legato ai package SSIS. In questo capitolo si affronta con più decisione il Business Intelligence Development Studio, il ricchissimo (e un po’ spaventevole) ambiente per gestire tutta la parte ETL legata ad un progetto di Business Intelligence. Viene preso come esempio da cui partire uno dei “package sample” presenti nella cartella di installazione di SQL Server, il “ExecuteSQLStatementsInLoop Sample” (serve un’installazione completa per poter ritrovare questi esempi). Questo progetto, (più precisamente una “solution”) viene esaminato pezzo per pezzo, dando modo di conoscere tutti i vari aspetti della vera programmazione di un package SSIS. Questo è un capitolo bello tosto, richiede tanto tempo per la sua lettura e comprensione, ma come risultato si ottiene una conoscenza molto approfondita degli Integration Services, fornendo al lettore la capacità di creare package piuttosto complessi. Il capitolo seguente, il nono, (molto più corto del precedente) termina la parte dedicata ai SSIS trattando argomenti avanzati, come la gestioni degli errori, il log, le transazioni e il deploy. Con questi 3 capitoli si può ritenere che il lettore abbia incontrato ogni possibile aspetto dei SSIS, e si rimanda a libri specifici per ulteriori approfondimenti, indispensabili solo per casi molto specialistici e specifici.

I successivi capitoli entrano quindi nel merito degli Analysis Services. Il decimo è dedicato all’intricato linguaggio MDX (MultiDimensional eXpression), necessario per interrogare basi dati multidimensionali.

L’undicesimo invece è dedicato al “data mining”, ed entra nei complessi meandri teorici della materia, coadiuvato da parecchie immagini, grafici e diagrammi Visio. Nel 12esimo capitolo si entra nella fase finale della materia, illustrando come si illustra, ovvero spiegando i Reporting Services, punto di arrivo di tutti il discorsi fatti in precedenza. Come detto, questo rappresenta l’ultimo capitolo leggibile del libro, a meno che si voglia provare a leggere le ultime pagine del 14esimo, dedicato all’integrazione con Office 2007, col rischio però di capirci poco, dato che manca tutta la prima parte.

Da non saltare, ovviamente, i primi due, che trattano le basi del mondo BI e della teoria su cui si appoggia la modellazione dei cubi, sfruttando uno degli esempi (una vera “solution” intera) presenti in una installazione completa di SQL Server 2005.

 

Ogni capitolo inizia con una breve introduzione sull’argomento che verrà affrontato, e termina con un altrettanto breve sommario. All’interno sono presenti, in numero sparso, piccoli box riportanti consigli (Tip) e note varie (Note), spesso riferite a differenze con SQL Server 2000.

L’inglese utilizzato dall’autrice è abbastanza comprensibile, anche se ho visto di meglio. 

 

Alla pagina http://www.apress.com/book/bookDisplay.html?bID=10276 è presente la scheda dettagliata del libro, compresi il sommario dettagliato e il primo capitolo, entrambi in formato pdf scaricabile.

Non è purtroppo però presente il capitolo mancante, il 13esimo (SSAS Administration).

Ai primi di dicembre ho già provveduto a segnalare il difetto del libro compilando l’apposito form delle errate sul sito della Apress, ma a tutt’oggi nulla è cambiato.

 

 

Pro

Questo libro rappresenta un’eccellente via di mezzo per prendere confidenza con tutto il mondo “Business Intelligence” in ambito Microsoft, dagli Analysis Services (MDX incluse), agli Integration Services per finire coi Reporting Services. “Via di mezzo” in quanto non è banale o superficiale, ma nello stesso tempo non entra eccessivamente nei dettagli, portando via troppo tempo ad un lettore, magari non sviluppatore specialistico di soluzioni BI, ma semplicemente bisognoso di una formazione che gli consenta di importare dati, crearsi i propri cubi e pubblicarli tramite dei report. La vasta esperienza e competenza dell’autrice traspaiono in ogni pagina, e danno al libro quel plus in più rispetto ad altri sul medesimo argomento. Molto buona l’impaginazione generale (perlomeno della parte non difettosa).  

 

 

Contro

Come già ampiamente spiegato, questo libro ha subìto la grave amputazione di perdere completamente il capitolo 13 e la prima metà del 14esimo ed ultimo capitolo. E questo è ancora più grave considerando che il prezzo di copertina di un libro di nemmeno 400 pagine è di 50 dollari statunitensi.

Inoltre quando si segnala qualche sito dove reperire materiale o scaricare componenti aggiuntivi, viene riportato il link per esteso, spesso di enorme lunghezza. Sarebbe stato più comodo magari prima “convertirlo” attraverso il Tinyurl.

Per quanto riguarda l’esposizione della materia, niente di grave da segnalare.

 

 

Voto complessivo: 8,5/10 (per il contenuto), 4/10 (per l’impaginazione)

Livello: Intermedio

 

 

Summary

About the Author

About the Technical Reviewer

Acknowledgments

1 - Cap. 1: What Is Business Intelligence?

25 - Cap. 2: OLAP Modeling

51 - Cap. 3: Introducing SSIS

73 - Cap. 4: Using SSAS

95 - Cap. 5: Intermediate OLAP Modeling

113 - Cap. 6: Advanced OLAP Modeling

133 - Cap. 7: Cube Storage and Aggregation

159 - Cap. 8: Intermediate SSIS

197 - Cap. 9: Advanced SSIS

219 - Cap. 10: Introduction to MDX

243 - Cap. 11: Introduction to Data Mining

277 - Cap. 12: Reporting Tools

305 - Cap. 13: SSAS Administration.

329 - Cap. 14: Integration with Office 2007

369 - Index

 

Titolo:  Foundations of SQL Server 2005 Business Intelligence
Autrice:   Lynn Langit
Editore:  Apress
ISBN: 1590598342
Pagine: 396
Prezzo: 32,99 $ (su Amazon)
Data di uscita: 24/04/2007

 

Buon Natale J

Categoria: Books
venerdì, 21 dic 2007 Ore. 10.53

Messaggi collegati


Meteo
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003