Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico

Statistiche
  • Views Home Page: 395.708
  • Views Posts: 1.330.128
  • Views Gallerie: 526.125
  • n° Posts: 520
  • n° Commenti: 292
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

Recensione PC Professionale giugno 2011

E meno male che questo numero mi è arrivato incredibilmente presto, addirittura il 30 maggio, così ho avuto tutto il tempo necessario per leggermi i numerosi articoli interessanti che queste 202 pagine si portano appresso, e soprattutto per due articoli che trattano delle novità assolute per la rivista. Le Tv “intelligenti” e le prime chiavette USB 3.0.
Innanzitutto il focus del mese, dedicato alle “Smart TV” (o nella forma “SmarTV” come inventato da Samsung).
È un articolo non lunghissimo, “solo” 12 pagine, per di più ricchissime di immagini, ma è il primo che appare nella rivista e che tratta un argomento che ci ritroveremo sempre di più tra i piedi, ovvero la possibilità di connettere la Tv ad internet.
Vengono presentate le caratteristiche “smart” di 4 televisori: LG, Panasonis, Samsung e Sony.
Peccato che non ci siano cenni sulle qualità intrinseche di questi apparecchi, tipo la qualità dell’immagine e la facilità di sintonizzazione.
D’altronde l’autore dell’articolo era stato chiaro: vengono analizzate solo le funzionalità “intelligenti” del televisore, e non ci si sofferma sul resto. L’articolo comunque merita anche più di una lettura, in modo da prepararsi per quando dovremo cambiare la Tv di casa.
Chi legge questo articolo, per proseguire e completare l’argomento, dovrebbe poi passare all’inchiesta “Arrivano gli over the top” (nelle ultime pagine della rivista) dove Valeria Camagni fa un resoconto di quanto viene offerto nel panorama italiano.

La AMD Fusion o meglio, i portatili che montano questo processore, sono i protagonisti della breve comparativa subito dopo. Ne vengono testati solo 4, ma di essi solo il primo (l’Acer Aspire One 522) è assimilabile ad un vero e proprio netbook. Gli altri 3, infatti, sono più dei notebook entry level, con un prezzo di poco inferiore ai 500 euro.
Fusion sta ad indicare proprio la “fusione” tra CPU e GPU in un unico blocco di silicio, in modo da ottimizzarne il consumo energetico ed aumentarne le prestazioni generali. Ciò che si ottiene ha un nome tutto suo, APU, ovvero Accelerated Processing Unit, e la sua immagine fatta processore nell’AMD Fusion potrebbe essere il cavallo vincente nei prossimi mesi (più performance e meno costo è da sempre la formula perfetta).
L’articolo ha interessato molto pure me, in genere refrattario ad approfondimenti hardware molto spinti.

A pag. 84 si torna a parlare di fotografia, ma non è la solita comparativa di fotocamere più o meno evolute, bensì una disamina degli attuali trend tecnologici in questo settore. L’articolo ha interessato pure me, che di fotografia ne conosce ben poco, ed è tutto dire. E pensare che ora che non ho più il Nokia N8 mi servirebbe proprio una fotocamera base base. 

A pag. 95 l’altro articolo significativo del mese, quello dedicato alla nuove chiavette Usb 3.0.
Dopo un breve, ma sempre interessante, riepilogo storico, l’autore ne mette alla prova 7 offerte dai maggiori produttori mondiali (Adata, Kingston, Lacie, Patriot, Transcend e Verbatim).
I tagli di capacità vanno da 16 fino a ben 120 GB (la Lacie), mentre i prezzi sono molto ballerini, segno di un mercato che non si è ancora bene consolidato. Ad esempio, per il taglio di 64 GB si può passare dai 132 euro della Kingston ai 280 della Verbatim. Le prestazioni sono però tali da rendere lo standard Usb 2.0 più ricollocabile all’era preistorica che ai tempi attuali. Ora serve solo aspettare che anche notebook e pc si dotino di questo collegamento. Il Toshiba Qosmio, di cui ne ho parlato qualche giorno fa, pur essendo un portatile da oltre 1000 euro, ne è completamente sprovvisto (si può sempre ricorrere agli adattatori Express Card, ma è un ripiego).

Ben 12 le pagine, fitte fitte, che Filippo Moriggia dedicata a Google Docs (o Google Documenti, in italiano), la suite per applicativi “Office” che risiede nel cloud, ovvero su internet, e fornisce tutta una vasta serie di funzionalità per l’utilizzo contemporaneo tra più utenti. Documenti, fogli di calcolo, presentazioni, disegni e quant’altro posso essere utilizzati semplicemente con un browser, senza dover installare alcunché sul proprio pc. Ovviamente ci sono dei pro e dei contro, dei componenti che funzionano bene ed altri meno. Nell’articolo, davvero completo, i necessari approfondimenti.
L’articolo subito dopo è un altro peso massimo (come lunghezza ed approfondimenti), e rappresenta anch’esso un argomento novità per la rivista, ovvero le famose “Apps” dello store Apple per l’iPad.
Non possedendo questo tablet (di Apple non ho nulla, pur essendo golossisimo di mele!), ho sorvolato in scioltezza questo corposo articolo.

Gustosa, come non capitava da tempo, la rubrica Hardware & Periferiche.
Si inizia parlando di hard disk evoluti: i primi sono i modelli DriveStation della Buffalo (pag. 135), caratterizzati da super capienze (fino a 4 TB) e soprattutto dall’interfaccia Usb 3.0.
Si cambia poi marca testando due hard disk interni da 2,5 pollici della Western Digital, gli Skorpio Blue e Black. Deve esserci stato però un problema di impaginazione dell’articolo, dato che i due box riportanti i dettagli dei prodotti hanno lo stesso titolo (errato) “Western Digital Caviar Black”.
Il succo dell’articolo, comunque, sta nel fatto che le prestazioni incrementano di parecchio non appena si passa dalla velocità di rotazione di 5400 giri/min a 7200. Tra l’altro, considerando che il modello “Black” costa 109 euro ed offre – a questa velocità di rotazione – ben 750 GB, un pensierino di acquisto come non farlo?
Per ora soprassiedo, non ho ancora sfruttato pienamente il mio Seagate Momentus XT da 500 GB (magari nei prossimi mesi, vedremo).
Le pagine 142 e 143 mostrano un diretto concorrente del Nokia E7 di cui ho parlato il primo giugno, lo smartphone LG Optimus Dual. Le dimensioni del display, infatti, sono le stesse, ben 4 pollici. Cambia il sistema operativo: qua invece di Symbian abbiamo Android nella versione 2.2. Dopo aver letto impressioni molto positive (quasi al limite dell’entusiasmo) su internet, mi aspettavo che gli venisse assegnato un gran voto.
Invece l’articolo gli affibbia uno scarso 7,0. I difetti imputabili sono il calore piuttosto avvertibile, i video in alta definizione non convincenti, e la scarsa qualità degli altoparlanti e degli auricolari. Per un terminale che costa ben 500 euro mi sembra alquanto grave.
La fotocamera, con flash led, è di 8 megapixel ma, leggendo l’articolo, non mi è chiaro se sia dotata di autofocus o meno.
Il design comunque mi piace parecchio: peccato che difficilmente riuscirò ad entrarne in possesso di un modello.

Potevano mancare i notebook? Ovviamente no, anche se questo mese limitati ad un solo esemplare, il Fujitsu Lifebook S761, un 13 pollici molto potente, grazie alla presenza di un processore Sandy Bridge, il Core i5 2410M. Da sottolineare, anche se non inserita nei “Pro” della pagella, la presenza di un porta Usb 3.0.
Il prezzo non è però alla portata di tutti: bisogna sborsare quasi 1.600 euro.
In questi giorni sto provando un ebook reader della Sony, il PSR-650 (di cui ne parlerò in un prossimo post), ed ho letto con attenzione la prova di un suo possibile concorrente, il Cybook Orizon della Booken, testato dalla rivista alle pagine 150 e 151. Il prezzo è solo leggermente superiore al Sony, 299 euro, ma ottiene solo 6,5 come voto.
I motivi di così poco lusinghiera valutazione dipendono dalla sua lentezza in alcune funzioni e dalla mancanza dei dizionari. Ritengo però più che validi la possibilità di connessione Wi-Fi, lo schermo da 6 pollici touch screen capacitivo con multitouch e la dotazione dell’accelerometro, così cambia automaticamente l’orientamento delle pagine visualizzate. Lo schermo non è a colori, ma a 16 toni di grigio.
Qualcuno ha la possibilità di farsi regalare un monitor da 30 pollici e dal peso di quasi 20 chili? Perché non scegliere il NEC SpectraView Reference 301? Il prezzo di “soli” 2.980 euro non sarà mica un problema vero?
Per il design molto serioso, quasi scarno, e la presenza delle “palpebre” di protezione dalla luce ambiente, si può chiudere un occhio (magari con la palpebra del NEC).
Ci si può sempre giustificare affermando che questo prodotto ottiene un 9,5 come voto, un valore che non si incontra spesso nelle pagine di PC Professionale ;-)
Un altro voto da togliersi il cappello (un 9,0) è quello ottenuto dalla console Nintendo 3DS provata a pag. 156. Ha la possibilità di visualizzare giochi ed immagini in 3 dimensioni senza l’uso degli occhialini.
Il prezzo si aggira sui 260 euro, nemmeno tantissimo se si considera quanto offre.

E non ho ancora terminato la rubrica, come detto incredibilmente ricca questo mese.
A pag. 162 viene provato un mouse “monstre”, il Razer Naga Molten. A vederlo fa una certa impressione, dotato come è di tutta una serie di piccoli tasti posizionati sul lato sinistro. Mi sorge però una domanda? E chi è mancino come me, esiste una versione del mouse per chi usa la sinistra? Non si sa. Di sicuro si conosce il prezzo, 78 euro.
Un dettaglio nell’articolo mi lascia un po’ perplesso. Tra i “Contro” viene riportato “Difficile tornare a giocare con un mouse normale”. Ma questo non dovrebbe in realtà essere un punto a favore? Il mouse è che talmente valido che, una volta provato, non si può più tornare indietro (ed io questo lo avrei messo tra i punti a favore).

Esaurita la lunga sezione hardware, la più sintetica rubrica Software questo mese inizia con la prova di PowerDVD 11 della Cyberlink, nella versione Ultra, la più ricca (e più costosa, 99 euro). A mio modo di vedere questo è uno dei migliori player multimediali in circolazione, e con questa release è ora in grado di visualizzare anche i blu-ray 3D.
Proverò sicuramente la versione trial presente nel Dvd allegato alla rivista.
Nelle poche restanti prove della rubrica, è da segnalare quella su Firefox nell’ultima versione 4.0.1.
Il voto ricevuto è 8,0, e potrebbe sorprendere che sia (relativamente) così basso. Un suo problema, infatti, è imputabile al decadimento delle prestazioni dopo lunghe sessioni di navigazione.
Ho provato a controllare nel mio Gestione Attività di Windows 7 e ho notato, con Firefox aperto con una manciata di tab per oltre un’ora, che la memoria impegnata sfiora i 200 MB, che a voler guardare non è esattamente poco. Bisogna anche dire, però, che Firefox espone una sola occorrenza nel task manager, mentre IE e Chrome ne hanno una per tab. I conti andrebbero fatti sommando tutte queste tab allora. Va beh, mi fido di quanto dice PC Professionale che faccio prima

Più interessante del solito anche la rubrica della Posta. Ad esempio, si parla di come risolvere i problemi di hard disk sempre in funzione (chi non si è mai trovato in questa situazione?), e del risparmio energetico per allungarne la vita. Oppure di reinstallazione del sistema operativo e antivirus per pc datati. Insomma, da questa rubrica, mese più mese meno, c’è sempre da imparare.
A pag. 178 mi ha incuriosito molto l’articolo che parla della nuova super veloce internet key a 42,2 Mbps della Vodafone. Per ora è operativa in 15 città al costo di 199 euro. Singolari (per certi versi irritanti) i piani tariffari: sono flat, ma vengono consentiti solo 7 GB di download al mese (sì, al mese), altrimenti poi la banda viene “strozzata” fino a farle assumere una velocità di 64 Kbps (una linea Isdn). Ma io mi domando: si offre una chiavetta ad alta velocità, si attiva un piano flat, e porrei dei paletti di scaricamento così stretti?
Se in un giorno scarico giusto qualche software dal mio abbonamento MSDN, ho già superato il bonus mensile, e chissà che bello poi dover navigare ad una velocità preistorica… Molto male Vodafone, molto male. 

Infine la rubrica Sviluppo e quella Linux trattano lo stesso argomento, decisamente caldo, Android.
La prima riprende e conclude l’applicazione “geolocalizzatrice” iniziata lo scorso mese, mentre il secondo illustra le novità “linuxiane” della versione 3.0 di Android stesso.

Insomma, come si è visto questo numero di giugno è davvero ricco. Chi, pur essendo abbonato alla rivista, per i soliti problemi delle poste italiane, non lo ha ancora ricevuto (come si legge sul sito di PC Professionale), farebbe bene a farselo rimandare. Sono troppi gli articoli da non perdere.

DVD

 

Qua sotto i programmi completi di questo mese.

Da notare il ritorno di Ubuntu, nella recente versione 11.04 Desktop, chiamata Natty Narwhal, a 32 e 64 bit.
Tra quelli invece “In prova” (ovvero in versione trial, 28 giorni di utilizzo) c’è da segnalare l’ottimo Cyberlink PowerDVD11, capace di visualizzare anche Blu-ray 3D. Per poterlo utilizzare, come ho fatto io, serve una preventiva registrazione per ottenere il codice di sblocco.

Nei webcast, sempre tre, questa volta ne trovo uno interessante per i miei gusti.

È il terzo, dedicato a Visual Studio 2010, in particolare ai suoi progetti di tipo “database”.
Il video dura poco di più di 40 minuti, pesa 44 MB, ed è a cura di Gian Maria Ricci.
È uno screencast molto interessante, fatto bene, e decisamente utile per chi sviluppa con Visual Studio 2010 su database SQL Server (2008 o 2005).
Data la velocità espositiva dell’autore, soprattutto per chi non ha mai creato questa tipologia di progetti in Visual Studio, non sarà sufficiente una sola visione del tutorial.
Interessante, anche se già visto, quello tratto dal Remix10 dedicato a Windows Phone 7 (quasi un’ora di filmato e con Roberto Cavallini come speaker).

Infine questi i 4 giochi recensiti, con prezzo e voto:

• Assassin's Creed Brotherhood (Prezzo: 49,99 € - Voto: 8,5)
• Crysis 2 (Prezzo: 49,90 € - Voto: 9,0)
• Dragon Age II (Prezzo: 49,90 € - Voto: 8,0)
• Homefront (Prezzo: 49,90 € - Voto: 8,0)

Da notare come tutti abbiano praticamente lo stesso prezzo.

 

 

SOMMARIO

 

 

In profondità

 

Prove

 

Smart TV
Il televisore intelligente
Le “smart” Tv promettono di offrire il meglio di due mondi: la facilità d’uso di un televisore e la versatilità di un computer. Vediamo insieme se questa promessa è stata mantenuta.

Notebook
AMD Fusion per i notebook

Arrivano i portatili con la nuova piattaforma AMD dove Cpu e Gpu si fondono in un unico componente. Abbiamo provato i primi modelli disponibili sul mercato

GPS
Navigatori GPS guidare è ancora più semplice.

I nuovi dispositivi satellitari per l’assistenza alla guida sono sempre più economici, completi e affidabili. Sette Pnd sotto i 150 euro in prova.

Schede madri
Le schede madri per Sandy Bridge
Una panoramica di 13 prodotti di fascia intermedia e alta per le più moderne piattaforme Intel Core.

Tecnologie

 

Fotografia
Fotografia: i trend tecnologici
Non esiste uno strumento universale nel mondo fotografico, ogni esigenza richiede un prodotto dedicato. Cerchiamo di fare luce sui reali bisogni e sulle caratteristiche che i nuovi trend del mercato fotografico stanno evidenziando.

Pendrive
Super velocità per i pendrive

Lo standard Usb 3.0 inizia a diffondersi a macchia d’olio. Ecco in prova le prime soluzioni per l’archiviazione veloce ultraportatile.

Google Docs
La suite per ufficio si sposta nel cloud
Google Documenti è una suite di produttività gratuita e funzionale. Lavora nel cloud e per usarla serve soltanto un browser Web. Scopriamone insieme i pregi e i difetti.

iPad Apps
Datemi un’app e vi solleverò il mondo
È passato poco più di un anno dal lancio, e iPad è ormai entrato nella nostra cultura. Le “apps” disponibili sono tante, forse troppe: ecco una carrellata delle migliori.

First Looks

 

Componenti

- AMD Radeon, grafica potente per tutti
- Das e Usb 3.0 finalmente insieme
- Doppia coppia Western Digital: 750 Gbyte per notebook
- AMD quad core a briglie sciolte

 

Mobility

- LG, lo smartphone moltiplicato per due
- Il piccolo notebook di Fujitsu si evolve con Sandy Bridge

 

Networking

- Router wireless in punta di dita

 

Periferiche

- Cybook, l’e-book reader con touch screen
- NEC SpectraView Reference 301, la perfezione in taglia extralarge
-  L’home theater Full Hd acquista la terza dimensione
- Arriva la console Nintendo per il 3D senza occhialini e portatile
- Con AverMedia la Tv viaggia sulla rete, per arrivare anche sull’iPad
- Phaser 6500, stampe a colori in ufficio con la qualità Xerox
- Il super mouse con 17 tasti per i videogiocatori più evoluti

 

Software

- PowerDVD, un media player a 360 gradi
- Una nuova veste per Firefox
-  MAGIX MP3 deluxe 17 la musica a portata di clic
- Dal volantino alla brochure con PagePlus X5

 

Rubriche

 

Inchiesta

- I servizi di streaming via Web: arrivano gli over the top

 

Internet

-  La mia impresa online.it un progetto per portare le pmi in rete

 

Posta

- Posta Hardware e Software
- Legge Bit
- Libri

 

Sviluppo

- Farsi una posizione con Android

 

Linux

- Continua l’avanzata di Google Android

 

Giochi

- Ottimo sequel, anche 3D per lo sparatutto di Crytek

 

 

Numero 243 di giugno 2011

Prezzo 6,90 €

Sito web: http://www.pcprofessionale.it

Categoria: PC Professionale
mercoledì, 08 giu 2011 Ore. 11.00
Mappa
Calendario
ottobre 2017
lmmgvsd
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003