Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico

Statistiche
  • Views Home Page: 401.074
  • Views Posts: 1.344.192
  • Views Gallerie: 538.746
  • n° Posts: 520
  • n° Commenti: 293
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

PC Professionale giugno 2012

 In occasione degli Europei di calcio, PC Professionale dedica un completo, interessante e lungo articolo sui televisori cosiddetti “Smart”, ricchi di funzioni che travalicano il puro concetto di televisore in quanto mezzo di trasmissione di programmi televisivi. Ma di questo ne parlo più avanti, per concentrarmi prima sugli “Ultrabook” – che per chi non lo sapesse è persino un marchio registrato – argomento principale del mese.
Inutile dire che sono un po’ l’oggetto del desiderio degli informatici: piccoli, leggeri, elegantissimi, potenti come una workstation, ma fino a pochi anni fa costosi come un monolocale in centro. Ora i prezzi si sono notevolmente ridotti, anche se viaggiamo sempre sui 1000 euro o poco meno. Anzi, ad essere precisi, le specifiche impongono, per essere definiti come “ultrabook”, che il prezzo si mantenga proprio sotto questa soglia (tra l’altro in dollari, quindi in euro ancora meno).
Il capostipite, ancora una volta, è stato un Apple, il MacBook Air, che ancora oggi primeggia per prestazioni, ma non per il prezzo, che si mantiene intorno ai 1500 euro. Vedendo i prezzi anche di alcuni altri modelli provati, come il Dell XPS 13 (1400 euro), l’Acer Aspire S3 (anch’esso 1400 euro) e l’Asus Zenbook UX31E (1300 euro) viene da chiedersi come mai siano stati inseriti in questa rassegna, dato che sforano, e di non poco, il prezzo limite massimo. 
Nella foto qua sotto ecco i 7 modelli testati, con relative caratteristiche.


 Altro articolo degnissimo di nota, pur essendo molto basilare e discorsivo, è quello sullo storage, in cui si spiegano pregi e difetti delle principali tecnologie di dischi fissi attualmente presenti sul mercato: tradizionali (a piattelli magnetici), SSD puri, ibridi (quest’ultimo tipo in due varianti).
Nella categoria “ibridi” viene preso come riferimento il mio attuale hard disk del notebook, il Seagate Momentus XT da 750 GB, dotato di 8 GB di “puro” SSD e il restante magnetico tradizionale ma operante alla velocità di 7200 giri/min che, devo ammettere, ha ridato vita al mio (ormai) vecchio Dell.
Questo articolo è un ottimo punto di partenza per riassumere lo stato dell’arte degli hard disk, sia per pc desktop che per notebook.

Nella ricca rubrica Hardware, tra gli altri, spicca la prova di un pc desktop completamente allo stato dell’arte, contenitore (o “case”) compreso, il Pc Rem Elite di Rem Technology, un’azienda italiana specializzata nel fornire pc su misura, cioè configurati in base ai desideri e alle necessità del cliente. In questo caso non si è badato a spese, scegliendo il meglio sul mercato per ogni componente.
Ecco qua sotto l’articolo.

 Si hanno ben 16 GB di Ram e due dischi, di cui uno (e per 240 GB, non pochi) interamente SSD.
Il prezzo per tale bomba è adeguato, 3000 euro tondi, e c’è da segnalare anche il notevole consumo, addirittura 500 watt a pieno regime, praticamente come una workstation di livello server. Insomma, tanta potenza si paga, sia all’inizio che nel mantenimento.
Tra gli altri prodotti segnalerei la prova dell’ebook reader Cybook Odyssey della Booken, offerto al prezzo di 160 euro. Riceve un voto non entusiasmante – 6,5 – imputabile al fatto che mancano completamente i dizionari preinstallati, componenti ormai imprescindibili per un ebook reader che si voglia definire tale, e persino la funzione di ricerca. Non male come mancanze, solo parzialmente compensate dalla reattività dell’interfaccia e dalla lunga durata della batteria.
Un altro prodotto interessante è proprio l’ultimo della rubrica, ovvero l’originale monitor Philips Brilliance 241P4LRY, che costa circa 345 euro. Cosa ha di così originale? Riesce a capire che siamo seduti correttamente davanti ad esso e alla giusta distanza, e questo grazie all’ErgoSensor sviluppato in casa dalla Philips stessa.
Anche l’aspetto estetico è piacevole, tant’è che riceve una votazione di 9,0.
Per chi fosse interessato, poi, all’argomento “ergonomia”, allegato al Dvd è presente un articolo specifico apparso sul numero 224 della rivista.

Nella breve (solo 8 pagine) rubrica Software c’è da segnalare la prova di un evergreen tra i database di livello “personale”, ovvero FileMaker Pro 12. D’accordo che a quanto pare è un buon prodotto – merita un 8 come voto – ed ha un prezzo abbordabile – circa 420 euro – ma esiste ancora qualcuno che utilizza tale database “desktop” nella propria attività personale o professionale? Mi piacerebbe tanto saperlo, dato che io non conosco nessuno che lo usi.
C’è poi la prova di un software per l’ottimizzazione del pc, Advanced System Care, ma ne parlo nella sezione del Dvd.

Il vero focus del mese, come detto, è il futuro multimediale.
Gran parte del discorso è racchiuso nei 2 lunghi articoli dedicati alle Smart TV e alla tecnologia che le supporta e le amplifica, ovvero la Dlna.
Il primo – 10 pagine – spiega, con grande numero di immagini e foto, cosa sono le cosiddette Smart TV, sottolineandone sia pregi che difetti, ed anche le diversità implementative adottate dalle varie case.
Anche chi non hai mai avuto una Smart TV (il sottoscritto è tra questi) le numerose fotografie presenti nell’articolo  aiutano a capire cosa sia questa tecnologia e come la si utilizzi nella vita (televisiva) di tutti i giorni.

Leggendolo si potrà scoprire che le migliori, e più user-friendly, realizzazioni sono quelle di LG e Samsung, con Toshiba in fondo alla classifica.
Tutto sta a capire quanto utile e facile possa essere poter navigare in internet con un browser mentre si guarda la Tv, oppure come sfruttarla anche come mezzo di comunicazione (Skype per esempio) e contatti (Facebook, Twitter). Questo mi rimane un po’ un mistero. Per i miei interessi, ad esempio, mi basterebbe che fossero in grado di registrare una trasmissione televisiva su di una chiavetta Usb (magari Usb 3.0) anche a Tv spenta, senza dover ricorrere ad apparecchi esterni (videoregistratore). Ok che magari alcune già lo fanno, ma sono quelle da 3000 euro, e mi piacerebbe che queste funzioni fossero presente anche nelle più modeste 37 pollici da 500 euro.
E magari che si spingesse sempre più avanti il discorso consumi, con tecnologie di risparmio energetico sempre più evolute. E, perché no?, che fossero più rapide nel cambiare canale!
Perché devo aspettare anche 5 secondi (che possono sembrare pochissimi, ma diventano un’eternità mentre si guarda la Tv), tra un cambio e l’altro? Mah, misteri ancora avvolti nella nebbia (o forse sono io ad essere antiquato, non so).

Un po’ più avanzato l’articolo collegato che tratta della Digital Living Network Alliance, ovvero Dlna, il consorzio di aziende che hanno scopo di definire le specifiche per le metodologie di trasporto e condivisione dei flussi audio e video tra i più disparati apparecchi elettronici (frigoriferi e lavatrici comprese).
Fortunatamente Simone Zanardi non entra nei dettagli tecnologici/elettronici spinti (come suo solito) e l’articolo si fa leggere e comprendere da praticamente tutti i lettori. In sostanza si spiega cosa serve e come si usa questo ecosistema di apparecchi connessi, e quali software ed hardware esso necessita.

Subito dopo viene la prova comparativa delle stampanti multifunzione sotto la soglia dei 100 euro, apparecchi che servono sempre (scansioni, fotocopie, ecc.). Si aggiudica il titolo di prodotto Gold la HP Photosmart 5510. Da notare che, come sempre, per questa tipologia di prodotti c’è da mettere in conto l’elevato costo delle cartucce di inchiostro che ne pregiudicano di parecchio la convenienza rispetto alle stampanti laser nel caso si stampino parecchie pagine in formato bianco&nero.

Per chi utilizza tutti i giorni Excel come strumento di lavoro, troverà fondamentale il lungo tutorial (ben 13 pagine) su come programmare tale potente applicativo della suite Office tramite VBA, ovvero Visual Basics for Applications. La versione di Excel presa di riferimento, ovviamente, è la 2010, ma l’autore segnala le (poche in verità) differenze con le versioni precedenti (2007 e 2003). È indubbiamente un eccellente corso, pur abbastanza basilare, sia per la chiarezza espositiva che per il layout. Da notare, infatti, come questo articolo sia stato impaginato su 2 sole colonne, e non 3 come quasi tutti gli altri articoli della rivista. Ciò aiuta di molto la stesura e la lettura dei listati di codice. Non capisco come mai, a questo punto, la rubrica Sviluppo continui ad essere esposta su 3 colonne, che di fatto ne pregiudica di molto l’utilità, dato che il codice che riporta è spesso praticamente illeggibile.
Per quest’ultima, questo mese, bisogna però apprezzarne lo sforzo migliorativo. Si tratta della seconda puntata del micro corso su Python, ed è composta da ben 5 pagine, un record per quanto possa ricordare.
Dopo il discorso iniziale dello scorso mese, si entra nei dettagli del linguaggio, analizzando tipi delle variabili, cicli, funzioni, classi e oggetti, e persino le espressioni regolari.
Ecco un’immagine di due pagine interne dell’articolo.

Chissà se anche a luglio si proseguirà a parlare di Python; dall’articolo non è chiaro, staremo a vedere.
Ritorno indietro nella rivista per parlare un attimo di alcune pagine di notevole importanza.
Le prime sono la (ormai) consueta rubrica Hacks, che riporta trucchi e segreti suddivisi nelle 5 categorie: Sistemi operativi, Applicazioni, Internet, Sicurezza e Utility. Da ricordare che non si parla solo di sistemi Windows, anzi, questo mese la maggior parte di loro tratta tutt’altro, da Ubuntu ad Apple.
C’è insomma un po’ di tutto, in modo da interessare la maggior fetta di lettori possibile. Tra di essi mi ha interessato molto il software SymMover, utile per spostare le cartelle di installazione di un programma senza doverlo per forza reinstallare. Direi indispensabile quando ci si accorge di non avere più spazio sul disco C: e si vuole spostare qualche programma su di un’altra partizione del proprio hard disk.

Le altre pagine che vorrei segnalare, che sono comunque una presenza fissa ormai da decenni, è la rubrica Posta, che questo mese (una rarità) mi ha interessato nel suo complesso, dato che ho letto tutte le missive (e risposte) riportate, tanto erano interessanti ed istruttive. Si parla infatti di aggiornamenti di Windows 7, messaggi di errore, batterie e hard disk dei notebook, e persino dei rilanci nelle aste di eBay.

Chiude le 194 pagine di questo numero di giugno la recensione del gioco Total War Shogun 2, per chi si voglia dilettare nell’arte dei samurai restando anche sotto la soglia dei 30 euro di prezzo.
Peccato che questo mese la redazione non abbia pensato di indire un concorso sugli Europei di calcio.
Un abbonamento annuale (cartaceo + digitale, ovviamente) a chi indovina la vincitrice.
Ci stava proprio :-)


DVD

Ecco la lunga home page del DVD.

Tra i programmi completi merita una menzione Advanced SystemCare 5 Pro di IOBit, un ricco programma per mantenere in perfetta efficienza il proprio pc, dato che esegue tutta una serie di ottimizzazioni che sarebbero lunghe e complicate eseguire da soli a mano.
In realtà, per essere preciso, non sarebbe propriamente “completo”, in quanto il codice presente all’interno del Dvd lo rende valido per un solo anno, ma almeno per questo periodo di tempo lo si può usare nella sua versione Pro, quella più evoluta.
È presente anche Ubuntu 12.04 che, come accaduto anche nel passato, toglie spazio del Dvd ad altre cartelle (le sezioni Sviluppo, Svago ed Emergenza dei Toolkit, ad esempio).

Questi i 4 videogiochi recensiti, questo mese caratterizzati tutti da prezzi molto contenuti:

• Alan Wake (Prezzo: 27,99 € - Voto: 8,0)
• Take On Helicopters (Prezzo: 19,95 € - Voto: 7,5)
• Total War Shogun 2 (Prezzo: 29,99 € - Voto: 9,0)
• Trine 2 (Prezzo: 12,99 € - Voto: 8,0)


Purtroppo nulla di nuovo da segnalare sul fronte webcast: ci sono solo due brevi video ancora su SharePoint e XNA.


SOMMARIO

First Looks

Hardware
- Anteprima Nvidia: GeForce GTX 690, due volte Kepler
- Amd si rinfresca     la memoria
- Rem Technology Pc Elite:  un Pc su misura per giocare al massimo
- Un sistema completo in palmo di mano, Sapphire Edge HD3
- Zyxel Nsa325, il Nas gestisce la casa multimediale
- Altoparlanti per Dj: Hercules  XPS 2.0 80 DJ Monitor
- Cybook Odyssey,  l’eReader da usare con tatto
- Canon Powershot G1X, una reflex travestita da compatta
- Il monitor che pensa alla vostra salute: Philips Brilliance 241P4LRY

Software
- FileMaker 12, un database facile e multipiattaforma
- VideoStudio Pro X5 Ultimate una miriade di effetti per i filmati
- Scrivener for Windows, elaboratore di testi molto particolare
- IObit Advanced SystemCare PRO 5 un ricostituente per il computer
- Acronis vmProtect 7.0: backup completo per vSphere

In profondità

Prove

Mobility
Ultrabook
Dopo i primi modelli presentati a fine 2011 arrivano sul mercato le nuove proposte di Dell, Hp e Samsung, in attesa di un rinnovamento con le Cpu Intel Ivy Bridge.
Leggi e discuti con l’autore dell’articolo

Storage
Come scegliere la soluzione ideale
Disco magnetico, Ssd, Raid, soluzioni ibride: capire le differenze e scegliere la configurazione più adatta, coniugando spazio e prestazioni.
Leggi e discuti con l’autore dell’articolo

Smart TV
La crescita continua
In un mercato Tv stagnante dal punto di vista tecnologico, in attesa degli Oled e del 4K, i produttori portano avanti il concetto della Tv “intelligente”.
Leggi e discuti con l’autore dell’articolo

Multifunzione inkjet
Nuovi modelli a basso prezzo
Compatte, versatili ed economiche: in prova otto periferiche dal costo inferiore ai 100 euro, adatte per la casa e il Soho.
Leggi e discuti con l’autore dell’articolo

Tecnologia
Grafica 3D
I frame al secondo non sono tutto
La velocità non basta per creare la migliore esperienza di gioco. Esaminiamo le tecniche che migliorano la qualità visiva e il loro impatto sulle prestazioni.
Leggi e discuti con l’autore dell’articolo

Reti locali e Dlna
Multimedia domestico al massimo
Telefonini, tablet, televisori smart e console da gioco: il Pc non è più l’unica periferica su cui riprodurre contenuti audio e video digitali. Ecco come condividerli senza sforzo.
Leggi e discuti con l’autore dell’articolo

Come fare
Microsoft Office
Impariamo a programmare Excel
Un viaggio alla scoperta di Vba, il potente linguaggio di programmazione del foglio elettronico Microsoft.
Leggi e discuti con l’autore dell’articolo

Hacks
Trucchi e segreti per sistemi operativi e applicazioni strategie di sicurezza, tool utilissimi ma poco conosciuti.

Rubriche
Internet
Apple e la musica on the cloud, anche in Italia

Posta
Posta Hardware  e Software

Sviluppo
Lezioni di Python, linguaggio dinamico

Legge e bit
Corte di giustizia UE: no al copyright sulle idee

Linux
Pc, Smartphone e Tablet  più vicini nel mondo Open Source

Giochi
Arriva l’epico finale della saga dei samurai

Numero 255 di giugno 2012
Prezzo 6,90 €
Sito web:
http://www.pcprofessionale.it

 

Categoria: PC Professionale
mercoledì, 13 giu 2012 Ore. 10.00
Mappa
Calendario
dicembre 2017
lmmgvsd
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003