Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico
Statistiche
  • Views Home Page: 489.509
  • Views Posts: 1.566.114
  • Views Gallerie: 738.815
  • n° Posts: 520
  • n° Commenti: 301
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

Libro Come si fa un Blog 2.0 (Tecniche Nuove)

Non bisogna farsi trarre in inganno dalle piccole dimensioni di questo libretto, poco più largo di un iPhone, e dal numero di pagine, inferiori alle 200.

Il contenuto, infatti, è consistente e compresso in piccole pagine stampate in carattere minuscolo su carta patinata di qualità (liscia ma non lucida). Gli autori sono due esperti italiani della Rete (il primo, Alberto D’Ottavi è docente ed è stato direttore di riviste informatiche).

Tra i tanti libri, in italiano, pubblicati recentemente riguardanti le tematiche della Rete e dei “social network” questo si distingue per la facilità di lettura e la compattezza del formato (10,5 x 18 cm), che lo rendono adatto da portarsi appresso nei propri spostamenti.

 

Ho appena finito di leggerlo ma già ho notato l’accuratezza degli argomenti trattati e la facilità di comprensione. Si parte con una panoramica generale sul mondo dei blog, per passare poi alla scelta della piattaforma fornendo nel contempo consigli utilissimi sui tools di condivisione delle informazioni.

Quando vengono illustrati siti e community varie, per spiegare come “integrarli” nel proprio blog, si fa riferimento a WordPress come piattaforma.

Vengono poi analizzati tutti i più famosi siti che creano aggregazione nella Rete: da Flickr a YouTube, da Delicious a Facebook, e così via, e di ognuno se ne tracciano caratteristiche, pregi e difetti.

A mio modo di vedere, la vera utilità di questi libretti non è tanto riportarne i dettagli tecnici o meno, come potrebbe fare un servizio giornalistico, ma di aggiungere dei commenti propri, ancor meglio se provengono da persone che tali servizi li usano e li consultano quotidianamente.

 

La cura realizzativa è buona, dato che ho riscontrato due soli refusi (a pag. 100 e 163), e finalmente in qualche libro si trovano i link riportati come “traduzioni” attraverso TinyUrl.

I miei capitoli preferiti sono il quinto e il nono. Il primo perché spiega cosa è meglio scrivere nel proprio blog, e soprattutto “come”, con l’obiettivo di renderlo utile, e fidelizzare in qualche modo i lettori.

Il nono invece riporta casi reali di blog aziendali, perché hanno avuto successo e perché invece sono falliti, illustrando anche l’utilità che possono avere questi blog “aziendali” ai fini della valorizzazione di un prodotto (singolare quello capitato all’azienda americana Kryptonite, ad esempio).

Si scopre che se negli Stati Uniti il 14% delle aziende possiede un blog, tale percentuale scende al 2,5% per le aziende europee (non oso pensare a quelle italiane, anche se ci sono ottimi esempi, come quello relativo alla Fiat Bravo e i salotti Berto).

Inutile dire che questo capitolo, interessantissimo, sarebbe da far leggere a tanti amministratori delegati delle nostre aziende (peccato che è appena passato Natale, se no ci stava molto bene!).  

 

Inoltre vi sono consigli su errori da evitare, sulle modalità di scrittura e sulla scelta del target.

Graditissima è la sottolineatura del fatto che si parla di consigli e non di regole; gradita perché dimostra l’umiltà dei due esperti del settore che non hanno la pretesa di insegnare ma semplicemente di aiutare.

E lo fanno benissimo.

Al termine ci sono due appendici: la prima riporta la spiegazione di una serie di sigle ed acronimi, mentre la seconda è una bibliografia essenziale, riportante una quindicina di testi (quasi tutti in italiano) dove si possono approfondire gli argomenti.

 

A causa del piccolo formato, quasi tutte le immagini riportate risultano essere minuscole, e ci vuole (letteralmente) una lente di ingrandimento per interpretarne i dettagli. La rilegatura, inoltre, è molto rigida, e serve una discreta forza “di apertura” per leggere i caratteri a ridosso del centro del libro.

 

La lettura è ovviamente consigliata a tutti quanti hanno a che fare con internet ed i blog (e qui si apre un mondo vastissimo, dato che in genere, chi fa “grande” uso della Rete, va di per sé che ha anche un proprio blog).

Questa è la pagina dedicata al libro.

dove è possibile scaricarsi l’indice (nessun capitolo di esempio però).

Un consiglio per lo acquisterà; alla fine della lettura, rileggere ogni tanto i capitoli 5 e 9, ne vale davvero la pena.

Concludo riportando la significativa frase con cui gli autori terminano il libretto:

“Un blog è un foglio bianco. Farne letteratura, marketing, disegni o un aereoplanino dipende da noi”.

 

Sommario

Sommario

Introduzione

Ringraziamenti

1 – Cap. 1. Popolare la Rete

Le premesse

Una breve storia

Conseguenze e prospettive

7 – Cap. 2. Com’è fatto un blog

Struttura: testata, colonne, corpo

I contenuti

Pubblicazione in ordine inverso, tag, categorie, archivi

Importanza dei link

Commenti e trackback

Feed RSS

Embed

25 – Cap. 3. Iniziare

Scegliere la piattaforma

I servizi più popolari

I software più diffusi

Splinder

Muovere i primi passi

La community di Splinder

Wordpress

Installazione in locale

Utilizzo della piattaforma

Personalizzazione

55 – Cap. 4. Una Rete di relazioni

Blogosfera e comunità di blog

Ancora sulla piattaforma

Cercare nei blog

I motori di ricerca specializzati

Leggere i blog: come usare un aggregatore

Uno sguardo a Google Reader

71 – Cap. 5. Blog: e adesso cosa scrivo?

Una panoramica dello scenario italiano

Perché aprire un blog

Non Regole, consigli

Gli errori da evitare

Questione lettori

85 – Cap. 6. Trovare e condividere informazioni

Il vero valore: i contenuti

Salvare link su Del.icio.us

Segnalare le notizie su OKNOtizie

Tanti accessori per tante esigenze

I widget di Wordpress

103 – Cap. 7. La multimedialità per il blog

La fotografia: Flickr e i suoi fratelli

Inserire le foto da Flickr nel proprio blog

Sorridi, sei su YouTube

Video nel blog? Perché no!

Pubblicare presentazioni

SlideShare

Slide.com

Le presentazioni nei blog

125 – Cap. 8. Il blog esteso

Miniblog o tumblelog

L’esempio di Tumblr

Microblogging

Il fenomeno Twitter

Social network

Servizi popolari

145 – Cap. 9. Uno strumento professionale

Blogger e giornalisti: un rapporto complesso

Incroci tra blog e giornalismo

Guadagnare con un blog

Corporate blog

Casi “storici”

Contenuti per l’azienda

Obiettivo il mondo

Qualche spunto

Vantaggi e criticità

167 – Cap. 10. Il futuro che sta avvenendo

Possibili sviluppi della blogosfera

Verso il Web semantico

Internet sul cellulare

Conclusioni

173 - Appendice A: Glossario

181 - Appendice B: Bibliografia essenziale

 

Titolo: Come si fa un Blog 2.0
Autori: Alberto D'Ottavi, Tommaso Sorchiotti
Editore: Tecniche Nuove
ISBN: 978-88-481-2266-5
Pagine: 192
Prezzo: 13,90 €
Data di uscita: Set. 2008

Categoria: Books
lunedì, 05 gen 2009 Ore. 08.55

Messaggi collegati


Meteo
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003