Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico

Statistiche
  • Views Home Page: 392.871
  • Views Posts: 1.323.147
  • Views Gallerie: 520.195
  • n° Posts: 519
  • n° Commenti: 292
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

Libro “La cura” di Chiarelettere



Ritorno, dopo mesi, a parlare di libri.
Lascio per un attimo il campo informatico per segnalare un libro che ho terminato di leggere in questi giorni. Un recente saggio della Chiarelettere
intitolato “La cura”, e scritto da Luca Landò, un neurobiologo, ricercatore e scienziato (ha lavorato anche presso l’università di Berkeley), nonché giornalista e scrittore.
 
Le quasi 300 pagine di questo libro descrivono lo stato semi-comatoso del paziente Italia, ne analizza i motivi che lo hanno portato a queste condizioni
e propone alcune possibili cure.
Come sappiamo – per averli provati sulla nostra pelle – le argomentazioni non mancano di certo: dalla crisi economica che ci attanaglia ormai da 7 anni,
dalla fuga dei cervelli, dal dissesto strutturale del Bel Paese dopo ogni pioggia un po’ più sostenuta del solito, dal digital divide che perdura,
dalla perdurante disparità uomo/donna nel mondo del lavoro, ecc. ecc.
L’autore suddivide questi argomenti in capitoli, e nella prefazione “autorizza” il lettore alla lettura nell’ordine che più lo aggrada,
consigliando soltanto di leggere le varie introduzioni e il primo capitolo (fino a pag. 50) per primi, per poi sbizzarrirsi come meglio si preferisce.

Leggendo questo libro sorge spontaneo un senso di frustrazione: possibile che siamo messi così male? E, soprattutto,
possibile che non facciamo niente per migliorare questo stato di cose?

Il mio capitolo preferito è quello sulla fuga dei cervelli: si capisce cosa fanno (anzi, cosa non fanno) le università italiane per far fuggire i ricercatori migliori
(perdendoci anche economicamente) e, nello stesso tempo, come riescano a non essere attrattive per gli studenti stranieri.

Essendo l’autore principalmente un “tecnico”, ci sono pochi riferimenti al mondo politico (ovviamente negativi), e non fa sconti né alla Destra né alla Sinistra
(anche se più volte ricorda le infelici uscite del Cavaliere sui ristoranti sempre pieni…).

Lo stile di scrittura è lineare ed estremamente comprensibile, senza lemmi ricercati o poco conosciuti (e senza refusi – non ne ho trovato nemmeno uno in tutto il libro).

Chiudono il volume una 15ina di pagine di grafici statistici (in cui, inevitabilmente, l’Italia finisce sempre in fondo) e ben 7 pagine di bibliografia (suddivisa per capitoli).

Fisicamente il libro è ben realizzato: carta abbastanza ruvida, copertina cartonata (con risvolto) e rilegatura così flessibile che si può piegare il libro a 180 gradi senza romperlo.

Qua sotto alcune foto del libro, spessore compreso.









Insomma, una lettura interessante per capire la situazione italiana.

Una lettura che andrebbe raccomandata a chi detiene lo scettro del potere e che può, in qualche modo, rendersi conto dello stato delle cose ed iniziare a fare qualcosa (pia illusione eh).

Sommario
3 – Il bugiardino
9 – Il nostro corpo
12 – Il nostro medico
Le nostre malattie
19 – La collina del PIL (Quando l’ormone della crescita finisce)
51 – Un ricco paese di poveri (Quando l’osmosi salta)
93 – La rete di Penelope (Quando i neuroni si ignorano)
119 – Il cervello con la valigia (Quando il corpo perde la testa)
146 – L’energia degli altri (Quando i mitocondri dormono)
185 – Le ossa fragili di Romeo e Giulietta
220 – L’altra metà dei geni (Quando il DNA è soltanto maschile)
255 – Per farla breve
269 – I nostri esami: la cartella clinica del malato Italia
285 – Bibliografia

Categoria: Books
mercoledì, 10 mag 2017 Ore. 14.00

Messaggi collegati


Mappa
Calendario
settembre 2017
lmmgvsd
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003