Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico
Statistiche
  • Views Home Page: 458.068
  • Views Posts: 1.485.574
  • Views Gallerie: 641.497
  • n° Posts: 520
  • n° Commenti: 301
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

CSS e XHTML: Guide Pocket

Data la piccola dimensione di questi due libretti delle Tecniche Nuove, e l’affinità degli argomenti trattati, li recensisco insieme.

Sono entrambi della collana “Guida Pocket”, ovvero libretti dalle dimensioni tascabili, e costituiti per essere delle reference di rapida consultazione, e sono la traduzione italiana dell’analoga collana della O’Reilly, piuttosto famosa nelle community di web designer.

Riguardano appunto l’argomento “Web Design”: il primo tratta di (X)HTML, mentre il secondo dei CSS.

 

 

Titolo: Html & Xhtml Guida Pocket
Autrice: Jennifer Niederst Robbins
Editore: Tecniche Nuove
ISBN: 978-88-481-1978-8
Pagine: 98
Prezzo: 8,90 €
Data di uscita: Lug. 2006

 

In meno di 100 pagine, per di più di piccolo formato, l’autrice di questo libretto (giunto, nella versione inglese, alla sua terza edizione)

La parte preponderante è costituita dal secondo capitolo (anche se in realtà manca un’indicazione esplicita della numerazione dei capitoli), dalla pagina 6 alla 82, in cui sono raccolti, in ordine rigorosamente alfabetico, la maggior parte dei tag HTML.

Di ognuno di questi si riportano quattro attributi:

“Core” – “Internazionalizzazione” – “Eventi” e “Focus”.

Se sono applicabili all’elemento in questione, sono tutti presenti, altrimenti ci sono solo quelli validi.

Dopo una breve introduzione sull’HTML e l’XHTML, a pag. 10 si parte subito con il primo elemento, la “a” di “anchor”.

 

Purtroppo, malgrado il libretto sia giunto alla sua 3a edizione, sono presenti riferimenti specifici per Netscape Navigator, browser ormai non più usato da anni (pag. 29), mentre invece non è menzionato Google Chrome.

Ed anche c’è un sezione completamente ripetuta. A pag. 48, infatti, la sezione dell “input type = “reset” viene riportata erroneamente per due volte.

Volendo poi migliorare la leggibilità del libretto, si potrebbe – consiglio spassionato – evitare di assegnare quasi il medesimo font sia per il titolo del paragrafo (l’elemento HTML in questione), sia per le sottosezioni di questo (“Attributi”, “Esempio”), dato che a colpo d’occhio si fa un po’ fatica a capire dove inizia il paragrafo (sono presenti delle linee orizzontali separatrici, ma la sistemazione dei font sarebbe comunque l’ideale).

 

Di ogni elemento HTML di cui necessitavo di approfondire le conoscenze, mi soffermavo sulla descrizione iniziale, e sull’esempio finale, lasciando alle spiegazioni dei vari attributi una lettura sommaria e molto veloce.

Ammetto che di alcuni nemmeno ero a conoscenza della loro esistenza (“bdo”, “isindex” e “optgroup”, giusto per citarne alcuni), e questo favorisce la lettura casuale del libretto (magari quando si è in viaggio).

Molto utili le pagine dalla 82 alla fine del libretto (98) in cui sono raccolte le “entità carattere” con il loro codice NCR (Numeric Character Reference) che li rappresenta, necessarie per sostituire certi caratteri – come ad esempio le lettere accentate – che potrebbero creare problemi in visualizzazione nelle pagine web.

Non solo, ma vengono rappresentati anche i simboli non alfanumerici, operatori matematici, figure geometriche e i colori, questi ultimi con la loro rappresentazione RGB. Già da sole queste poche pagine valgono l’intero prezzo del libretto, dato che evitano noiose ricerche su internet.

 

La rilegatura risulta un po’ rigida, ma ciò non costituirà un problema data la piccolezza del libro.  

Questa è la pagina del sito della Tecniche Nuove dedicata al libro, dove c’è la possibilità di scaricare, in formato Pdf, solo il sommario, e leggere una breve descrizione del contenuto.

Tutto sommato l’idea base di questa guida pocket, ovvero rappresentare un riferimento rapido – con esempi – e maneggevole ai vari elementi HTML è valida, meglio ancora se si riesce a sistemare quelle piccole imperfezioni di layout e aggiornamento accennate prima.

 

Sommario

Nozioni di base di HTML e XHTML 1

Differenze tra XHTML e HTML 2

Tre versioni di (X)HTML 3

Struttura minima del documento 4

DOCTYPE per i DTD disponibili 5

Elenco alfabetico degli elementi 6

Attributi ed eventi comuni 7

Elementi (X)HTML 10

Entità carattere 82

Set di caratteri ASCII 82

Entità non standard (‚–Ÿ) 84

Latino 1 (ISO-8859-1) 85

Latino esteso-A 89

Latino esteso-B 89

Lettere modificatrici di spaziatura 90

Greco 90

Punteggiatura generica 92

Simboli con caratteristiche letterali 93

Frecce 93

Operatori matematici 94

Simboli tecnici assortiti 96

Forme geometriche 96

Simboli assortiti 96

Indicazione dei colori 96

Valori RGB 97

Nomi di colore standard 98

 

**************************************************************************************

 

 

 

Titolo: CSS Guida Pocket
Autore: Eric A. Meyer
Editore: Tecniche Nuove
ISBN: 978-88-481-2224-5
Pagine: 176
Prezzo: 14,90 €
Data di uscita: Mag. 2008

 

Anche questo testo è giunto alla versione 3, ma è dotato di un numero quasi doppio di pagine. L’autore è l’apprezzatissimo Eric Meyer, autorità indiscussa nel campo dei CSS e del web design.

Lo standard seguito è quello attuale dei CSS, il 2.1.

Le prime 34 pagine sono descrittive ed introduttive. Consiglio di non saltarle dato che introducono al mondo dei fogli di stile.

Da pag. 35 inizia il lungo elenco dei selettori, spiegandone brevemente l’uso, i possibili valori e da quali browser sono supportati (anche qua Chrome non è menzionato). Il tutto aiutato con qualche esempio esplicativo. Da pag. 131 ci sono sezioni riservate per le tabelle e il multimedia, in modo da riportare tutti insieme i selettori legati ad un certo utilizzo.

 

Lo stile e l’impaginazione sono pressoché identici al testo precedente, e quindi si porta appresso gli stessi problemini di usufruibilità. Le immagini sono praticamente assenti, tranne qualcuna presente nell’introduzione.

 

Inutile dire che chi necessita di approfondimenti maggiori, con un aiuto più consistente di immagini ed esempi, meglio che si rivolga al testo “padre” di questo, ovvero “Cascading Style Sheets - La Guida Completa”, sempre della Tecniche Nuove e di Meyer come autore.

Questa versione “alleggerita” la consiglierei solo come promemoria da tenere accanto al pc, giusto quando serve ricordarsi come si usa una certa proprietà o a cosa serve.

Come strumento per imparare i CSS da zero, lo sconsiglierei decisamente.

 

Anche di questo libretto, la Tecniche Nuove mette a disposizione solo il Pdf del sommario, a questo link. 

 

Sommario

1 - Convenzioni

2 - Aggiunta di stili a HTML e XHTML

5 - Struttura delle regole

6 - Precedenza degli stili

8 - Classificazione degli elementi

10 - Ruoli di visualizzazione degli elementi

11 - Layout visivo di base

14 - Regole per gli elementi flottanti

15 - Regole di posizionamento

22 - Layout delle tabelle

29 - Valori

35 - Selettori

42 - Pseudoclassi e pseudoelementi

49 - Proprietà

131 - Tabelle

136 - Media impaginati

140 - Proprietà eliminate da CSS2.1

141 - Stili visivi

143 - Media impaginati

145 - Stili audio

Indice analitico

 

Categoria: Books
domenica, 06 set 2009 Ore. 14.25

Messaggi collegati


Meteo
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003