SQL Server ed ALM su database


Il blog di Alessandro Alpi
Archivio Posts
Anno 2018

Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

DataFlow – La sorgente Flat File

Rimanendo sempre nell’ambito dei DataFlow, cercheremo di entrare nel dettaglio della configurazione di un’altra sorgente molto importante, la Flat File, relativa a file di testo strutturati e con pattern ben precisi.

Flat File Source


Per utilizzare correttamente il file flat source è necessario configurare a monte un connection manager di tipo file flat. Con la solita procedura di aggiunta di connessioni, selezionarne uno di tipo file flat, appunto:



Nella sezione Generale (General) vi sono tre grandi aree. La prima a partire dall’alto è quella che contiene le informazioni sul nome e sulla descrizione del gestore di connessione.
La seconda, quella centrale, racchiude l’insieme delle specifiche internazionali e di cultura del file, nonché il percorso da cui andare a prendere il flusso (nell’esempio c:\input.txt, ma le estensioni possono essere di qualunque tipo). La terza ed ultima espone una serie di opzioni utili al vero e proprio formato interno del file.
Con tutte le caratteristiche impostabili è possibile dire, ad esempio, se il file contiene i nomi delle colonne nell’intestazione, se bisogna saltare righe in testa, se il file è a lunghezza fissa o se è delimitato, e, in questo caso, qual è il carattere di delimitazione, e così via.. Si tratta della configurazione della struttura definita nel contenuto del file.

Spostandosi nella sezione seguente, la Colonne (Columns), è possibile definire il separatore di colonna, il delimitatore di riga, ottenendo un’anteprima dei dati presenti nel file.



Nella sezione Avanzate (Advanced) è possibile inoltre determinare il nome delle colonne che nascono dalla precedente separazione, il tipo (fra una grande quantità), le lunghezze in byte ecc..
Inoltre vi è un tasto, il Suggerisci tipi.. (Suggest types..) che, in base al numero di righe di cui si vuol fare il test, ritorna i tipi consigliati da SSIS durante il controllo del contenuto del file. Questo può risultare molto utile se le colonne sono molte e se i tipi sono intuitivamente assegnabili.



La parte finale è dedicata all’anteprima del file.
Una volta definita la connessione, basta clickare due volte sul nostro File Flat Source; otterremo la seguente maschera:



In quest’area è necessario selezionare il connection manager da assegnare alla sorgente dati (nell’esempio abbiamo aggiunto il nostro “Input”. A questo punto ci si sposta sulla sezione Colonne (Columns) in cui, come in ogni task di sorgente,è presente l’elenco delle colonne che si vogliono rendere disponibili per il flusso.
Anche in questo task è presente la gestione degli errori, con la possibilità di redirigere le righe errate in flussi di dati differenti da quelli considerati “validi”. Il tutto è accessibilie dal pulsante Output errori..

Quindi, concludendo, come per la maggior parte delle sorgenti è utile seguire i seguenti passi:
1) Creare il connection manager di tipo adatto alla sorgente dati (flat file per flat file source, oledb per oledb source, ecc)
2) Aggiungere la sorgente nel dataflow
3) Collegare il connection manager alla sorgente
Da qui in poi avremo metadati disponibilii per la gestione delle logiche di trasformazione.

Alla prossima con l’XML Source.. Stay tuned!!
Categoria: SSIS 2005 Basics
mercoledì, 04 ott 2006 Ore. 15.45
Statistiche
  • Views Home Page: 482.789
  • Views Posts: 870.518
  • Views Gallerie: 500.633
  • n° Posts: 484
  • n° Commenti: 273



















Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003