Estering


Il blog di Ester Memoli


*****************************************************

La mia rubrica su Techeconomy.it Managed Services


*****************************************************

La mia videointervista su MSN Video


*****************************************************

Colored Glances. Io e i miei colori. Il blog di un hobby colorato.


*****************************************************


*****************************************************

***DotNetHell.it TEAM***

*****************************************************

*****************************************************


Sondaggio
Tenere la vita reale separata da quella online?

Si
No

Mappa

Avanzando...

Quest'anno mi sa che me lo gioco. Cosa, lo sa già chi mi conosce.
La questione è molto semplice nella mia mente, più difficile è riuscire a esporla.

Lavoro da un anno e mezzo nella mia attuale azienda. Come per ogni lavoro si parte sempre per gradi e io rivedo la Ester che rispondeva a telefono, gestiva i pochi ticket di assistenza e tremava alla sola idea di telefonare agli IT Manager dei nostri clienti più grandi (in particolare quelli del settore beni di lusso, chissà perché).

Ma Ester è cambiata nel tempo.

Ho imparato a gestire tantissime cose assieme, a portare a termine compiti che non avrei mai creduto possibile un po' perché credevo di non avere le competenze adatte un po' perché sono di natura una persona con poca autostima di sé. Poi mi rendo conto che posso farcela e PAM! eccomi all'opera.

Nei mesi ho fatto "carriera" ottenendo responsabilità e cercando di rendere il mio profilo quanto più interessante possibile. Ho seguito e sto seguendo questioni tecniche che vanno spesso oltre le mie capacità, ma non per questo mi arrendo...
E questo spirito non è nuovo in me. E' uguale alla stessa tensione che provavo anni fa quando insegnavo Office avanzato, quando assistevo gli utenti del cliente per cui lavoravo.

Ed è ormai da un anno che con fatica apro Outlook Express, guardo i newsgroup di Office (in particolare l'amato Word), spulcio tra le domande e riesco solo a provare le seguenti sensazioni:

- Perché non fa lo sforzo di fare una banale ricerca su Google?
- Perché non ha letto i post di 3 thread più in basso?
- Perché dovrei spendere anche solo 10 minuti a fare io dei test per verificare se la soluzione che ho in mente funzioni?
- Perché non paga un tecnico per sistemargli il pc anziché andare a tentativi e sperando sempre in supporto gratuito?
- Perché non si sforza a dare due dettagli in più per inquadrare meglio il problema?

Non nego che un paio di queste domande me le pongo anche quando arrivano richieste in ufficio, ma lì il discorso è diverso: il cliente mi paga, il cliente pone di solito domande ben più complesse di un "come impaginare la tesina in Word".

E allora chiudo Outlook. E mi rendo conto di quanto io sia cambiata e non più compatibile con le community tecniche che ho frequentato finora.
E mi arrendo all'idea di essere ...andata avanti.

PS: Nota per chi pensa che questo sia un post di una che "se la tira". Beh, penso che sia meglio che si andasse a leggere altri blog, questo non fa per lui/lei, perché non ha la più pallida idea di cosa significhi per me dire ciò in pubblico, sapendo che mi leggono anche persone delle community e il mio MVP Lead.
Categoria: Dis/Avventure
domenica, 07 set 2008 Ore. 12.25
Archivio Posts
Anno 2015

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005
Statistiche
  • Views Home Page: 938.251
  • Views Posts: 3.645.247
  • Views Gallerie: 2.125.953
  • n° Posts: 1.246
  • n° Commenti: 4.074
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003