Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico
Statistiche
  • Views Home Page: 470.126
  • Views Posts: 1.519.478
  • Views Gallerie: 679.696
  • n° Posts: 520
  • n° Commenti: 301
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

Nokia E50

Come 4 anni fa acquistai portatile e cellulare nello stesso mese (HP Pavilion Ze4222 e Nokia 7210), anche questo mese ho ripercorso la stessa strada. Dopo il portatile Asus di inizio ottobre, ho deciso di pensionare anticipatamente il mio pur ancora funzionante Nokia (afflitto però da, e sarebbe comprensibile a distanza di così tanto tempo, una durata minima della carica della batteria).

Ho approfittato quindi di un’interessante offerta, definita “Sottocosto” (ma saranno davvero sottocosto?), presso la Mediaworld in zona Milano est.

Con “soli” 99 euro si entrava (parlo al passato dato che questa offerta è da poco terminata) in possesso del Nokia E50, e cellulare la cui caratteristica principale è la fotocamera da 1,3 megapixel (con zoom), con possibilità di riprendere anche video.

Avendo scartato a priori i cellulari a “conchiglia” (preferisco quelli monoblocco), ritenendo la Nokia forse la marca migliore, volendo provare l’ebbrezza di quelli che i dodicenni provano già da anni (ovvero la fotocamera), e cercando infine di non spendere una cifra per un apparecchio che in fondo uso limitatamente, ho preso la palla al balzo e l’ho acquistato.

Abituato allo schermino del mio 7210, mi sono subito trovato di fronte uno schermo panoramico, con un piacevole e carino sfondo dalle tonalità blu, azzurro e verde chiaro.

Appena inserita la mia Sim, la Vodafone ha provveduto immediatamente a mandarmi gli sms di configurazione per gli MMS (una seccatura in meno) e ho potuto iniziare l’esplorazione delle sue funzionalità.

Il retrostante sportellino, per l’inserimento di Sim e batteria, è invece di difficile gestione; bisogna premere la linguetta e contemporaneamente alzarlo dall’altra parte, sperando di eseguire la manovra nel modo corretto. Perlomeno, una volta inseriti, non si corre il rischio di perderli…

 

Smanettarci, dal mio punto di vista, è l’unico modo per apprenderne il funzionamento. Il manualetto, pur di oltre 90 pagine, l’ho trovato completamente inutile: senza figure (se non pochissime, e non determinanti), è solo un lungo elenco di testo con frasi tipo “Selezionare A > B > C”, e non fornisce nessun valore aggiunto. Non riporta nemmeno un elenco delle caratteristiche tecniche, come spesso accade per altri simili prodotti. Ad es. non mostra dove si inserisce una espansione di memoria (SD card), ma è solo uno dei tanti aspetti mancanti.

Il cellulare in sé invece è abbastanza intuitivo, e se sono riuscito in poco tempo a capirne io il funzionamento, vuol dire che è proprio facile da usare.

Oltre tutto dispone di una dimostrazione guidata, una sorta di demo, che ne illustra le funzionalità principali.

Chi comunque già conosce i cellulari Nokia, si troverà subito a suo agio, dato che i menu sono molto simili.

Tenendolo in mano si ha una sensazione di robustezza; i tasti sono discretamente grandi (anche se ormai per i cellulari moderni ci vorrebbero le dita da bambino), tranne quelli di richiamo del menu e di cancellazione di un carattere (a sinistra e a destra del joystick centrale), davvero minuscoli (spesso ne schiaccio 2 insieme, e ci vuole una certa attenzione per evitarlo).

La natura prettamente da “business” di questo Nokia la si avverte subito; ampia la possibilità di interfacciarsi con pc o altri cellulari, sia via infrarossi, sia via bluetooth, si tramite il cavo usb fornito in dotazione. A questo riguardo è presente il Cd “Nokia PC Suite” da installare sul computer per poterlo interfacciare e scaricarne (in entrambi i sensi) file e applicazioni.

Le caratteristiche multimediali comunque non sono da meno: è presente un lettore audio, un lettore Flash, un registratore vocale e il Real Player.

La prima volta che mi ha squillato mi ha fatto scoprire anche che pronuncia, in un italiano accettabile, il nome della persona se già memorizzato nella rubrica. Inutile dire che è una aggiunta che ho subito disabilitato…

 

Le suonerie disponibili non sono tantissime, ma alcune sono veramente carine, come la “Always here”, una vera canzone pop mp3 con voce femminile, che ho impostato per il modo “normale”.

Avendo tanta memoria a disposizione, con il cavo Usb e il Nokia PC Suite si possono caricare decine di mp3 e utilizzare così il cellulare anche come una sorta di iPod, oltre che a utilizzare le proprie canzoni preferite come suoneria.

Ho trovato solo qualche problema con il NokiaMusicManager, uno dei componenti del Nokia PC Suite, che sotto Windows Vista mi è crashato alcune volte al momento di caricare gli mp3 sul cellulare.

Come già era presente anche nel mio vecchio, è possibile personalizzare questi cosiddetti “modi d’uso”, scegliendo suoneria, livello, vibrazione e quant’altro a seconda dell’ambiente in cui ci si trova.

Sul display, sotto la data/ora e operatore, sono presenti delle icone di avvio veloce (in stile quick launch di Windows), che permettono l’accesso immediato alle funzionalità preferite senza star lì a rintracciarle sotto voci di menu annidate. E questa, come anche tutto il resto, è facilmente personalizzabile.

Consiglio, già da subito, di ridurre il timeout e la luminosità del display rispetto alle configurazioni di fabbrica, decisamente generose, dato che rendendo il cellulare simile ad una torcia alogena da auto (luminosissimo), ne riducono di molto la durata della batteria.

Per quest’ultima consiglio poi di provvedere alla ricarica non appena vengono emessi i primi segnali di batteria scarica. Abituato al mio vecchio Nokia in cui, anche dopo questi segnali di avvertimento, potevo continuare ad utilizzarlo per ore, mi sono sorpreso nel vedere come trascorra così poco tempo tra il primo segnale e lo spegnimento totale del cellulare.

Ponendolo in un luogo buio, inoltre, lampeggia la corona intorno al joystick, sullo stile degli aerei di linea nel cielo notturno.

 

Per quanto riguarda gli sms, parte importante, magari sbaglierò, ma ho notato una certa evoluzione del T9; mi sembra che ora intuisca prima le parole, e spesso le accetti anche quando non sono termini di uso comune.

È presente una facilitazione per lo smile J, che viene creato semplicemente con tre puntini consecutivi (quindi se uno ha bisogno di messaggi allusivi, quelli che terminano con diversi puntini, li deve intervallare con degli spazi). Tiene anche in memoria l’ultimo simbolo utilizzato, e lo presenta come prima scelta nel caso di nuovi inserimenti.

All’inizio mi sembrava che non permettesse di risalire al numero di messaggi inviati, ma andando in “Inviati”, ed aprendo l’ultimo, ecco che compare il numero totale.

A differenza del 7210, invece, sms e mms finiscono nello stesso calderone (“Messaggi”, appunto), quindi occhio a rispondere velocemente ad un messaggio ricevuto; se non si fa attenzione si rischia di mandare un mms invece di un sms, con i costi che ne conseguono.

La Rubrica è davvero dettagliatissima, al pari di uno smartphone. Oltre al numero è possibile inserire tutta una serie di dettagli della persona, dall’indirizzo al ruolo, dal compleanno al sito web, per finire con la chiamata video (non ho idea però di come funzioni).

 

Come mi immaginavo, con il joystick centrale si fa quasi tutto. Il suo uso è comunque abbastanza facile e intuitivo, simile ad un joystick. Prevedo però calli sul pollice per i fanatici degli sms….

Il tempo di accensione è piuttosto lungo, e ci vogliono almeno una ventina di secondi prima di diventare operativi.

Con mia sorpresa è presente anche un navigatore, o perlomeno così riporta l’icona in “strumenti”. Non ho potuto però utilizzarlo dato che ricerca preventivamente un dispositivo bluetooth nei paraggi (mancante nel mio caso).

Infine la fotocamera; disponendo di 1,3 Mpixel consente di effettuare foto ben definite, la cui “pesantezza” come file aumenta di conseguenza (è possibile comunque regolare la qualità dell’immagine).

Il joystick tutto fare in questo caso lavora come zoom e scatto.

Disponendo di ben 70 MB (almeno così recitava il volantino) di memoria interna si dovrebbe essere sufficientemente coperti come spazio a disposizione.

Gironzolando tra i menu non ho trovato, ahimè, un modo per sapere quanta di essa è libera ed occupata.

L’unico modo per saperlo è di utilizzare il Nokia PC Suite dal proprio pc.

Quest’ultimo è davvero un programma tuttofare; consente di scaricarsi le immagini, salvare la rubrica, fare l’upload sul cellulare di video, musica, immagini e programmi, oltre a diverse altre funzionalità che non ho ancora esplorato.

 

Finora lo sto usando da un paio di settimane, e mi sto trovando abbastanza bene; serve solo, come in tutti questi casi, un po’ di apprendistato per arrivare ad una buona personalizzazione delle sue numerose funzionalità, in modo da accelerare il più possibile il suo uso quotidiano.  

 

Categoria: Varie
mercoledì, 24 ott 2007 Ore. 10.08
Meteo
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003