Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico
Statistiche
  • Views Home Page: 489.505
  • Views Posts: 1.566.012
  • Views Gallerie: 738.806
  • n° Posts: 520
  • n° Commenti: 301
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

Corsi Webmasterpoint….ahi, ahi, ahi….

Il mese scorso mi è stata concessa l’opportunità di seguire – gratuitamente – uno dei corsi online messi a disposizione dal sito www.webmasterpoint.org, uno dei più famosi e frequentati portali informatici, ricco di informazioni e contenuti. Tra i numerosi corsi che il sito mette a disposizione, quello a cui ho potuto partecipare trattava ASP.NET base (esiste infatti anche il corso ASP.NET avanzato), senza però la precisazione di quale versioni si tratti (si scoprirà in seguito che si tratta della versione 1.X, purtroppo ormai datata).

Si tratta di 25 lezioni, consultabili sia a video che scaricabili in formato Pdf, a cui si accede dopo essersi registrati ed aver ricevuto una password, valida per il login alla sezione riservata ai frequentatori del corso stesso. Una caratteristica importante di questi corsi online, e che ne rappresenta il vero valore aggiunto (rispetto, ad esempio, la lettura di un libro) è di poter contare su di un tutor, disponibile 24h su 24 a rispondere ad eventuali quesiti e chiarimenti posti dagli allievi.

Per questo corso il tutor era (è) Antonio Feliziani.

Questa è la pagina

http://www.corsiwmp.org/26/corsi_Asp.NET.html dove sono presenti le caratteristiche del corso, compreso il programma che riporto di seguito (cut&paste dal sito):

 

Programma del Corso

  1. Piattaforma Dot.Net
  2. FrameWork e architettura .net
  3. Asp.net e Editor
  4. Come strutturare i nostri progetti Asp.Net
  5. Linguaggi per la piattaforma .Net ed esempi.
  6. Nozioni fondamentali di programmazione parte 1
  7. Nozioni fondamentali di programmazione parte 2
  8. Nozioni fondamentali di programmazione parte 3
  9. Creiamo la nostra prima applicazione Web con Asp.net e Visual Studio.Net
  10. Configuriamo un’applicazione Asp.Net
  11. Elementi di configurazione (Book)
  12. Asp.net e Sicurezza parte 1
  13. Asp.net e Sicurezza parte 2
  14. Creiamo una WebForm
  15. PostBack e gestione dell’Html
  16. Controlli Server
  17. Esercizi Sui controlli Server
  18. Array e ADO.net parte 1
  19. Array e ADO.net parte 2
  20. Personalizziamo i nostri controlli Server
  21. Servizi Web
  22. Caching
  23. Distribuzione di una applicazione
  24. Debug
  25. Prova pratica Finale( realizazione di un micro progetto in gruppo )

 

 

Il costo (dettaglio importante) è di 100 euro più IVA (quindi 120 a tutti gli effetti), con la possibilità di ricevere regolare fattura.

Le lezioni vengono erogate al ritmo di 3 a settimana (praticamente un giorno sì ed uno no), secondo un calendario preciso, che non consente di leggere/scaricare lezioni non ancora previste.

La durata complessiva del corso è quindi di circa un mese.

 

Impaziente, felice, ed animato da buoni propositi, a metà giugno ho iniziato a leggermi le prime lezioni, curioso di constatare come un sito italiano potesse fornire un servizio così avanzato ed importante, nel sempre scarso panorama informativo-informatico italiano.

 

Già dalle prime lezioni mi sono subito reso conto dell’estrema semplicità del corso, più indirizzato a persone che non hanno mai visto un pc piuttosto che a chi (perlomeno) sappia almeno come accenderlo.

Va beh, ho pensato, ci sta: il corso è indirizzato ai principianti ed il livello della trattazione si adatta.

Quello che invece meno si adatterebbe sono i numerosissimi errori ortografici, di sintassi e quant’altro, presenti praticamente in tutte le lezioni, e che rendono difficile, oltre che sfiancante, la lettura del testo.  

Tra la vasta scelta di esempi, ne riporto due a caso, pescati qua e là.

 

Nella lezione 7, ad esempio, “Option Explicit” diventa “Optino Explicit”, e compare addirittura una nuova parola chiave, “Ovveridable” (una “v” di troppo e una “r” in meno), con tutti i problemi di compilazione che ne conseguono. Considerando che il target per questo tipo di corso sono i principianti quasi assoluti, si capisce quanto ciò possa negativamente influire sulla comprensione delle lezioni.

 

Nella lezione 8 si parla di “Libreiria di classsi”…

 

Questo invece è un esempio tratto dalla lezione 12:

 

Come accennato in precedenza,l'ASP classico consente di scrivere il codice the si preferisce (definizioni di proprietà e metodi, codice arbitrario e cos! via) in un blocco <script> utilizzando l'attributo runat="server". L'inconveniente di questo tipo di approccio e the non e noto quando il codice arbitrario contenuto in un blocco

<script> verrà eseguito rispetto al codice rimanente delta pagina. Per questo motivo, ASPNET non consente di utilizzare codice arbitrario all'interno dei blocchi <script>, the verranno indicati come blocchi di dichiarazione di codice per sottolineare to loro funzione di contenitori di dichiarazioni di proprietà e metodi.

 

A parte gli errori ortografici (che perlomeno Word mi avrebbe segnalato), vorrei riuscire a trovare qualcuno che mi spieghi il significato del paragrafo… (magari sono io che sono un po’ duro di comprendonio, è una possibilità da non scartare).

 

Nella lezione 14 certe frasi lasciano un leggero senso di angoscia:

A questo punto la nostra Interfaccia grafica dovrebbe essere Ultimata ipoteticamente.”

(a parte le maiuscole usate un po’ a caso, questa interfaccia “dovrebbe” essere terminata o “ipoteticamente”?...).

 

Questo mi induce a pensare una cosa: che nessuno si è mai preso la briga né di rileggere la lezione prima di metterla online (e venderla, e ciò è più grave), né tantomeno di provare il codice (che nemmeno compilerebbe).

Codice che tra l’altro, nelle lezioni, appare con una spaziatura eccessiva tra le righe, finendo per “allungare” a dismisura la pagina (stampata o consultabile online). In un’occasione, poi, sono mancate anche le immagini (sostituite dalla consueta X rossa).

 

Mi sono azzardato anche a scrivere alcune volte al tutor: nella prima domanda, se ben ricordo, gli avevo chiesto di spiegarmi il concetto di “API” di Windows. Per tutta risposta ho ricevuto un link di Wikipedia (che magari potevo trovarmi anche da solo, senza scomodare il tutor), unito ad una brevissima spiegazione che lascia un po’ il tempo che trova.

In altre occasioni ho segnalato gli errori (di sintassi e/o di codice). Sulle prime il tutor mi ha risposto, rassicurandomi che le lezioni sarebbero state corrette (ma quando? L’utente ha già pagato), per poi pensare bene di eclissarsi alle successive delucidazioni, lasciando lo studente in balia di sé stesso e dei sui dubbi.

 

Inoltre viene utilizzato Visual Studio 2002/2003 come ambiente di sviluppo, ormai decisamente superato, e i continui raffronti con le vecchie ASP 3, se potevano andare bene un po’ di anni fa, quando .NET rappresentava una novità, ora non servono e non interessano più a nessuno.

 

Che dire, ho appena superato la soglia di metà corso ma ho già perso la voglia di leggermi il resto delle lezioni (che magari, di punto in bianco, migliorano drasticamente, chi lo sa).

 

Sul sito si possono leggere numerosi entusiastici messaggi di persone che hanno frequentato questo ed altri corsi nel passato.

Certo non potrò unirmi a loro: anche se avrei molto da scrivere per esprimere la mia delusione, preferisco tenermela per me (e per questo blog ovviamente).

 

Cari amici di Webmasterpoint, l’idea è buona, ma presenta (e necessita) ampi margini di miglioramento.

 

 

PS

Ovviamente mi sto riferendo a questo corso (ASP.NET base), l’unico che ho potuto frequentare.

Sulla qualità degli altri non posso esprimere pareri.

 

Categoria: Dot NET e dintorni
venerdì, 04 lug 2008 Ore. 09.48
Meteo
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003