Praza de Cresia. In Rete dall'11\06\2006


Una spazio soglia, dentro e fuori, senza soluzione di continuità. Propone e accoglie. Parla e ascolt
Statistiche
  • Views Home Page: 480.719
  • Views Posts: 465.070
  • Views Gallerie: 8.299.255
  • n° Posts: 606
  • n° Commenti: 377
Ora e Data
Calendario
dicembre 2019
lmmgvsd
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Archivio Posts
Anno 2007

Anno 2006

Rimedio, il no al sentiero pedonale scatena le ire del consigliere Udc

LA NUOVA
 ORISTANO. Un volantinaggio contro il vicesindaco: per Mauro Solinas, assessore ai Lavori pubblici che già deve fare i conti con una serie di cantieri bloccati, sono tempi duri. E stavolta le bordate non arrivano dall’opposizione, ma dalla sua stessa maggioranza. Il leader dell’Udc (nonché consigliere comunale) Franco Cuccu sta infatti realizzando un camagna che mette sotto accusa il vicesindaco per la mancata realizzazione del passaggio pedonale sul ponte Tirso in occasione della novena e della festa del Rimedio.
 Ritorna quindi altissima la tensione tra l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Mauro Solinas, e il consigliere dell’Udc, Franco Cuccu. Prima dell’estate il clima tra i due si era fatto tesissimo, con Cuccu che accusava Solinas di non svolgere un’opera di pacificazione, che gli sarebbe imposta dal ruolo di vicesindaco, ma piuttosto di seminare zizzania nella maggioranza.
 Tutto era stato appianato (o almeno così pareva) con un vertice al quale aveva partecipato anche Pasquale Onida, presidente della Provincia e leader di Fortza paris, il partito del vicesindaco. Ma la festa del Rimedio offre di nuovo motivo di divisione e Franco Cuccu si appresta a realizzare un volantinaggio contro il vicesindaco.
 Undicimila volantini, o forse più, che ricostruiranno la vicenda e che indicheranno un solo colpevole.
 Al consigliere dell’Udc non è andata giù la decisione, sollecitata in aula dal vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, di non dare seguito alla mozione, approvata all’unanimità dal consiglio comunale, che dava incarico alla Giunta di realizzare un passaggio pedonale sul ponte Tirso in occasione della novena e della festa del Rimedio.
 Franco Cuccu, che della mozione è stato il promotore, ritiene che l’assessore abbia operato in maniera quantomeno strana: «Non si capisce - dice - perchè il parere sia stato chiesto ai vigili urbani, mentre in questi casi, di solito, si prende per buono quello dell’ufficio tecnico. Si è poi parlato di rischi: ma di quali responsabilità si preoccupa l’assessore se la competenza sul ponte è della Provincia? Tra l’altro l’ufficio tecnico della Provincia, aveva già dato parere favorevole alla realizzazione dell’intervento».
 Insomma, secondo Franco Cuccu l’assessore Solinas si è appoggiato, per negare la realizzazione del passaggio pedonale, a un parere non dovuto. Il consigliere dell’Udc, in ogni caso, contesta anche la sostanza delle motivazioni che hanno portato a negare la realizzazione del passaggio. Per lavoro mi occupo di strade e so bene che realizzare un corridoio protetto largo altri 80 centimetri rispetto al marciapiede già esistente non avrebbe costituito un problema. Quello sul punto, d’altronde, è l’unico tratto a due corsie per senso di marcia sulla Torregrande-Oristano».
 Insomma, ridurlo a una corsia per senso di marcia, almeno nei giorni della festa del Rimedio, secondo Cuccu non avrebbe creato tanti problemi.
 «In ogni caso - ricorda il leader dell’Udc - la mozione impegnava la giunta a fare il possibile per favorire il transito dei pedoni. Eppure non è stato fatto nulla neppure per chiedere alla Provincia l’attivazione del semaforo pedonale all’altezza dello svincolo del Rimedio».
 Come se non bastasse, i lavori per la sistemazione della rampa, all’ingresso del vecchio ponte dalla parte del centro commerciale, secondo Cuccu sono stati eseguiti in modo maldestro e il fondo addirittura ostacola il transito dei pedoni, soprattutto le donne, che usano scarpe con i tacchi.
 «Insomma ce n’è abbastanza - conclude Franco Cuccu - perchè si possa, con un po’ di ironia, auspicare che l’assessore lasci l’incarico di responsabile dei lavori pubblici e si iscriva ai palombari ciclisti».
Roberto Petretto
Categoria: Rassegna stampa
giovedì, 31 ago 2006 Ore. 08.05

Messaggi collegati


Blogs Amici
    Mappa
    Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
    dotNetHell.it | Home Page Blogs
    ASP.NET 2.0 Windows 2003