Praza de Cresia. In Rete dall'11\06\2006


Una spazio soglia, dentro e fuori, senza soluzione di continuità. Propone e accoglie. Parla e ascolt
Statistiche
  • Views Home Page: 500.969
  • Views Posts: 482.625
  • Views Gallerie: 8.836.326
  • n° Posts: 606
  • n° Commenti: 377
Ora e Data
Calendario
novembre 2020
lmmgvsd
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Archivio Posts
Anno 2007

Anno 2006

Diocesi di Nuoro. Dai monti di Fonni alla Caletta arriva il nuovo pastore di anime

LA NUOVA
LA CALETTA. Se fino a pochi giorni fa l’elisir di benessere, all’alba, era regalarsi qualche bella boccata di aria fresca di montagna prima di iniziare la giornata, adesso per don Pasquale Pedes, 62 primavere portate divinamente, la cura della sua salute passerà per il frizzante profumo e i colori argentati del mare baroniese.
 Dopo ben 21 anni di regno incontrastato di don Giuseppe Ruiu, è infatti lui, bittese di Gorofai, il nuovo parroco della Caletta, la frazione marina di Siniscola da dove prende inizio un nuovo capitolo della sua vita.
 Occhiali rotondi incorniciati sul viso e sguardo bonario che ispira simpatia immediata (non a caso ha fatto la comparsa in un film girato in Sardegna), per don Pedes la missione di uomo di fede riparte adesso dalla chiesa dedicata alla Madonna di Fatima, nei giorni scorsi agghindata a festa per accogliere nel migliore dei modi il nuovo parroco e tutte le autorità religiose, vescovo di Nuoro in testa, che lo hanno accompagnato verso la sua nuova missione. E che missione!
 Dopo trentadue anni di lavoro spesi tra Fonni, la cattedrale di Nuoro, Ollolai, Lula, il seminario regionale di Cagliari e addirittura Assisi, don Pedes si prepara infatti a diventare la guida spirituale di un centro che conta duemila anime in inverno e sino a ben cinquantamila in estate. Fedele più, fedele meno. Un compito che farebbe tremare le gambe a molti, insomma, ma non di certo a lui, pronto a svolgere con passione il suo nuovo incarico, entrato subito nel vivo.
 A pochi giorni dalla cerimonia di insediamento sono infatti in tanti a gettonare le messe (spesso concelebrate assieme a don Tonino Fronteddu) e suonare al campanello della sagrestia per poter salutare di persona il nuovo parroco, elencandogli la lunga sfilza di riunioni, incontri, ricorrenze e così via che periodicamente scandiscono la vita religiosa del paese. Un attestato di stima che, nonostante il grande vuoto lasciato nei cuori dei fedeli dal congedo di don Ruiu, non ha affatto disilluso le aspettative. «L’impatto con la comunità della Caletta è stato molto positivo - chiosa il neo parroco don Pasquale Pedes - e sento che qui mi troverò davvero bene. Ero infatti al corrente del grande fervore religioso che anima il paese, e sono convinto che con la collaborazione di tutti si potranno fare grandi cose». Alla Caletta il “ghiaccio” è stato quindi rotto e, a giudicare dai commenti, sotto c’è davvero un grande prato verde.
Categoria: Rassegna stampa
venerdì, 29 set 2006 Ore. 06.37

Messaggi collegati


Blogs Amici
    Mappa
    Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
    dotNetHell.it | Home Page Blogs
    ASP.NET 2.0 Windows 2003