Praza de Cresia. In Rete dall'11\06\2006


Una spazio soglia, dentro e fuori, senza soluzione di continuità. Propone e accoglie. Parla e ascolt
Statistiche
  • Views Home Page: 479.414
  • Views Posts: 464.555
  • Views Gallerie: 8.214.751
  • n° Posts: 606
  • n° Commenti: 377
Ora e Data
Calendario
dicembre 2019
lmmgvsd
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Archivio Posts
Anno 2007

Anno 2006

Nuoro. Il vescovo Meloni celebra la messa solenne al monte Ortobene

LA NUOVA
 NUORO. Con la rassegna dei tremila costumi e la parata dei 270 cavalieri, si è chiusa la parte profana della 106ª edizione della Sagra del Redentore, di cui oggi si celebra, in cima al monte Ortobene, la parte esclusivamente religiosa.
 Attraverso i bus navetta della locale Atp, stamane, è possibile raggiungere il parco comunale dell’Ortobene, dove, alle ore 11, si può assistere alla Messa solenne celebrata dal vescovo di Nuoro Pietro Meloni, assistito dal capitolo della cattedrale Santa Maria della Neve. Segue la processione, con al seguito del ligneo simulacro il popolo orante del comprensorio.
 Per l’occasione è stato istituito il collegamento diretto tra Nuoro e il Monte Ortobene, con partenza da Vittorio Emanuele ogni 10-15 minuti, con fermata alla Solitudine. Per il pomeriggio sono previste tre corse, sempre ogni 20 minuti, dal Monte a Nuoro, l’ultima delle quali alle 20,30. Sempre a titolo gratuito.
 Ieri sera, in un anfiteatro strapieno in ogni ordine di posti, soprattutto da centinaia di turisti provenienti da tutte le zone balneari della costa, si è tenuto il Festival regionale del folclore, ribattezzato “Cantede e ballande a su Redentore”, durante il quale si è esibito il meglio del folk isolano, registrando ogni volta un mare di applausi. Soprattutto all’indirizzo dei singoli corpi di ballo tradizionali. A distinguersi sono stati: i gruppi folk di Nuragus e Samassi per la provincia di Cagliari; Dorgali, Gavoi, Ollolai, Galtellì, Mamoiada e Sorgono per la provincia di Nuoro; di Oristano e Samugheo; nonchè di Ittiri per la provincia di Sassari. Esibizioni applauditissime per la ieratica compostezza dei figuranti, insieme agli armonici ritmi delle danze e alle contenute e armoniche coreografie delle danze.
 Nell’ambito del festival si è anche esibito il gruppo folk corsicano di Corte, con cui Nuoro ha suggellato il gemellaggio. Corpo di ballo che sa più dei paesi nordici dell’Europa o della Bretagna francese, sottolineando così le diversità tradizionali tra le due isole, così vicine ma anche così lontane tra loro. Ancora una volta i gruppi sardi hanno dato lezioni di compostezza, di armoniosità e se voglianmo di sincronismo nell’esecuzione delle evoluzioni ritmico-coreografiche, insieme a una policromia coloristica dei costumi ineguagliabile.
 A conclusione della straordinaria parata dei gruppi di canti e balli all’anfiteatro, condotta con professionalità per Videolina dal giornalista Giacomo Serreli, l’ineguagliabile ballo tondo realizzato ed eseguito da tutti i componenti, uno per ciascuna associazione folcloristica presente alla 106ª sfilata dei costumi della Sagra del Redentore. Centoseisima edizione che si è chiusa tra i fantasmagorici fuochi artificiali,insieme agli scroscianti applausi degli oltre seimila spettatori assiepati sui gradoni dell’anfiteatro comunale di piazza Veneto.
Categoria: Rassegna stampa
martedì, 29 ago 2006 Ore. 07.53

Messaggi collegati


Blogs Amici
    Mappa
    Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
    dotNetHell.it | Home Page Blogs
    ASP.NET 2.0 Windows 2003