Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico
Statistiche
  • Views Home Page: 449.046
  • Views Posts: 1.466.427
  • Views Gallerie: 629.711
  • n° Posts: 520
  • n° Commenti: 301
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

Evento HEROES Gli eroi sono {qui}

28/29 Febbraio 2008

c/o East End Studios – Studio 90
Via Mecenate 84

Milano

Il primo appuntamento italiano della serie di eventi “Heros” si è tenuto nei capannoni degli East End Studios di via Mecenate, periferia est di Milano. L’occasione era di quelle a cui non è possibile mancare: il lancio di Visual Studio, SQL Server e Windows Server, tutti nella versione 2008, evento analogo a quello che si era tenuto nel novembre del 2005 in concomitanza con il lancio delle precedenti versioni 2005 e per il quale avevo scritto il reportage, primissimo post di questo blog.

In questa occasione però l’evento è stato spalmato su due giornate: giovedì 28, e venerdì 29 febbraio.

La prima in realtà si trattava di mezza giornata, dato che è iniziata alle 14.00.

 

Come dal titolo, l’accento è stato posto sulle persone che lavorano nel settore IT, sviluppatori e sistemisti, definiti “eroi” per ciò che fanno, come lo fanno, e dove lo fanno, spesso poi eseguendo tali compiti in ombra.

Sono appunto loro le figure dentro le parentesi graffe raffigurate nei cartelloni pubblicitari delle conferenza.

Considerando la velocità con cui evolvono queste tecnologie, e la fatica che costa star dietro a tutte novità, il tutto con stipendi non poi più alti di un normale impiegato, come dargli torto!

 

Anche questa volta è stato reso disponibile un servizio di navetta, andata e ritorno, sia da Lambrate che da Novegro. Io ho preso alle 12.00 quello di Lambrate, e il servizio è stato ottimo (rapido e in lussuosi e giganteschi pullman). Appena arrivati agli Studios la prima operazione è stata quella di registrarsi, in modo da ricevere un pass valido per entrambi i giorni e contenente sia la mappa del luogo che l’agenda delle sessioni. Queste, come di consueto, divise tra TechNet (sistemisti) e MSDN (sviluppatori).

Essendo arrivato con un discreto anticipo, ho potuto permettermi un rilassato giro nella sala espositiva dove c’erano gli stand dei partner Microsoft. In tal modo mi sono appesantito della solita decina di chili di depliant e gadget vari (un portaCd, un paio di morbide palline e una decina di penne, fanno sempre comodo ;-)

Era esposta anche una Ferrari da corsa (il motivo della sua presenza mi è sfuggito). Questa è stata l’unica fase in cui mi sono potuto muovere con una certa comodità, e farmi fare persino una foto polaroid gratuita. Poco dopo è arrivata la ressa e la tranquillità è finita. Gli speaker hanno accreditato circa 3000 mila partecipanti: ad occhio e croce mi sembravano un po’ meno (tantissimi comunque). Finalmente alle 14.00, in una enorme sala separata stranamente da un muro centrale, è iniziata la conferenza, tutti insieme, sviluppatori e sistemisti, con uno splendido video con musica epica da far tremare i muri perimetrali (peccato che non sia presente nel Dvd dei contenuti).

Matteo Mille, direttore marketing Microsoft Italia, ha fatto una presentazione generale, sottolineando le novità e i miglioramenti presenti nelle versioni 2008 di questi prodotti, in particolare su Windows Server 2008 (di cui una demo era relativa al nuovo sistema di virtualizzazione Hyper-V).

Grazie alla presenza di enormi multi schermi, pur con tutte le persone presenti, era possibile vedere con chiarezza le slide, i video (un paio) e soprattutto le demo. Sul palco sono intervenuti (per alcune demo pratiche) anche Gabriele Castellani, Silvano Coriani e la Miss BeIT (notevole).

La presenza di musica, video, luci e colori ha contribuito molto a rendere la conferenza meno ingessata di quanto uno potrebbe aspettarsi in occasioni come queste.

 

Break alle 16.00 per il caffè (diciamo per chi è riuscito a prenderlo, io mi sono limitato all’aranciata).

Alle 16.30 la parte più interessante, gli approfondimenti di Visual Studio 2008 per la sessione MSDN (quella che ho seguito io). Ancora Castellani e il bravissimo Roberto Brunetti di DevLeap (forse il migliore speaker della conferenza) hanno mostrato dal vivo alcune caratteristiche davvero entusiasmanti di Visual Studio.

Mi hanno colpito molto la stretta integrazione con sistemi di bug tracking (una sorta di Source Safe evoluto) e una vera gestione della fase di test integrata nell’ambiente di sviluppo. Questo però sarà presente nella versione maggiore di Visual Studio, ovvero la Team Suite (non la Standard che verrà fornita ad ogni partecipante).

Come in ogni conferenza che si rispetti non sono mancati neppure alcuni bug o problemi vari con i pc e il software in esecuzione.

Alle 18.30 l’aperitivo nella sala espositori.

Ho tentato di prendere qualcosa (2 micropanini) ma la ressa era tale da farmi desistere, e così mi sono diretto a prendere il pullman per il ritorno, il quale dopo un viaggio di quasi 40 minuti dovuti al traffico, mi ha riportato a Lambrate. Ebbene sì, mi sono perso sia la “Heroes celebration” con Andrea Pezzi che il concerto di Mario Biondi. Cercherò di sopravvivere.

 

Il venerdì 29 febbraio si è partiti presto, alle 9.30, con una sessione tutta dedicata a LINQ da parte dei bravissimi Marco Russo e Paolo Pialorsi (di DevLeap), in cui si è iniziato a prendere confidenza coi vari “flavour”, ovvero “gusti”, di LINQ, e cioè LINQ to SQL, LINQ to XML, LINQ to Objects e LINK to Entities. In queste demo si è visto passo passo come scrivere codice C# che utilizzi le nuove parole chiave del linguaggio e la sintassi per scrivere query LINQ. La facilità e la rapidità con cui gli speaker scrivevano tutto questo nuovo codice aveva due effetti: uno di invidia nei loro confronti (sono davvero molto preparati), ed uno di pensare a come sarebbe meglio iniziare per impratichirsi anche nel nostro piccolo. La loro presentazione a 4 mani è stata esemplare per chiarezza ed organizzazione.

 

Pietro Brambati, nella successiva sessione, ha proseguito il discorso di approfondimento su Visual Studio 2008, e le sue demo si sono basate sul suo sito personale. Sono state approfondite le nuove feature della gestione dei CSS (a prima vista sembra davvero comoda), la finestra di anteprima del codice HTML (una bella ed utile novità anche questa), e le master pages annidate (di questa devo verificarne un po’ l’effettiva utilità).

Non solo, ora è presente anche l’Intellisense e il debug per le parti di codice in Javascript (per chi lo usa, io poco, non mi piace molto), e soprattutto è già compreso una parte di AJAX sotto forma di controlli di base.

L’AJAX Control Toolkit, che offre comunque molto di più, è scaricabile gratuitamente ed installabile all’interno dell’ambiente di Visual Studio con facilità.

 

Dopo la pausa caffè delle 11.15, Giuseppe Guerrasio ha parlato invece di un settore spesso sottoutilizzato, ma pensandoci bene molto utile, ovvero come personalizzare le applicazioni Office con VSTO, il Visual Studio Tool to Office. Anche qui tante demo e tanto codice; il leit-motiv di tutta la conferenza è stato tradotto in pratica, pratica e pratica.

Inoltre quasi tutti gli esempi sono stati scritti in C# (con mia felicità).

Forse le parentesi graffe presenti nel nome della conferenza era un sorta di messaggio subliminale?

Il mistero permane.

 

Alle 13.15 poi il pranzo, ognuno col suo bel sacchettino. In tal modo non si creano code e non ci si sgomita per afferrare l’afferrabile. Con così tante persone, il “sacchettino-asilo-like” è la soluzione migliore.

Al rientro ho buttato un occhio nell’attigua sala dei sistemisti TechNet, e ad occhio e croce mi sembravano in numero decisamente inferiore rispetto agli sviluppatori MSDN (nota a margine).

La prima sessione del pomeriggio è stata a cura dello sfortunato Silvano Coriani (“sfortunato” perché il giorno prima non ha potuto eseguire le demo a causa di un problema di password, e il venerdì non ritrovava più le slide…). Appena sistemati i problemi iniziali la sessione è entrata subito nel merito delle nuove feature di SQL Server 2008, in particolare per quanto riguarda i nuovi “enhancement” di T-SQL, ovvero la gestione delle date (data e ora separati, differenza di date e maggiore precisione), come anche le distanze geografiche (in Management Studio rappresentate da un simbolo a bisciolina). Si è parlato poi anche dei miglioramenti degli Integration Services e dei Reporting Services. In quest’ultimo caso mi hanno favorevolmente impressionato i nuovi tipi di grafico disponibili e il controllo “Tablix”, unione di tabella e matrice.

Al termine breve sessione semi-pubblicitaria a cura delle Dell, che in molti (me compreso) hanno pensato bene di sostituirla con la pausa caffè.

 

L’ultima sessione è stata dedicata a diversi argomenti correlati: WF, WCF, WPF e l’uso di Expression Blend insieme a Visual Studio, con speaker i bravissimi Luca Regnicoli e Roberto Brunetti (la capacità di esposizione di queste persone è davvero sopra le media, ed è un piacere assistere alle loro coinvolgenti sessioni). In queste loro demo si è riassunto un po’ tutto quanto visto nelle precedenti sessioni, ed in particolare mi ha colpito la gestione dei flussi in WF (Workflow Foundation) e le possibilità di integrazione con i tool Expression per la creazione della parte grafica dell’applicazione, davvero notevole. Mi sa che ci sarà da studiare non poco per potersi impratichire con queste nuove (o seminuove, nel caso di WF) tecnologie. Certo, poi il risultato è spettacolare. Si è parlato poco di Silverlight, perlomeno in maniera specifica, anche se l’accento posto sull’uso di interfacce web sempre più ricche di contenuti multimediali è stato molto forte e trasversale in tutte le sessioni.

 

Alle 16.45 la “2-day-Heroes-Conference” è terminata.

Il risultato finale è stato più che positivo; l’organizzazione ha funzionato in maniera eccellente, le sessioni sono state molto interessanti e la location azzeccata. Il materiale fornito – i 3 software in particolare – in linea con le ultime tendenze, ovvero fornire le versioni base senza limitazione, il che non è poi così poco.

Dal mio punto di vista ho visto (gioco di parole) tante cose nuove e molto interessanti, di cui non vedo l’ora di poterle mettere in pratica in ambiente lavorativo. Di novità all’orizzonte ce ne sono davvero tante: LINQ, WF, WPF, VS Team Suite e le innovazioni in SQL Server 2008: queste le metterei davanti a tutto.

Ho incontrato anche un paio di miei ex colleghi che non rivedevo da anni, e ciò non guasta.

 

Per finire, una nota di colore, anzi di immagine.

Proprio 3 anni fa feci una foto con i mitici Lorenzo Benaglia e Giorgio Rancati (Microsoft MVP su SQL Server ed Access rispettivamente). Quest’anno l’ho rifatta esattamente uguale, con me in mezzo a questi due super esperti, in modo da constatare come il tempo cambi l’aspetto delle persone.

In questa pagina della galleria è presente la foto di quest’anno, mentre in quest’altra pagina è presente la foto di 3 anni fa.

Come è immediato rendersi conto, Lorenzo e Giorgio sono rimasti praticamente gli stessi e sembra che per loro il tempo non sia passato, mentre lo stesso non si può dire per me, peggiorato vistosamente L

Ma come si dice in questi casi, l’importante è essere belli dentro (basta poi non trovare donne che ti dicono, “ok, allora rivoltati ;-)  

A questa pagina la galleria completa delle (poche ahimè) foto che ho potuto fare.

 

Al prossimo evento, ovvero ai prossimi Visual Studio 20XX, SQL Server 20XX e Windows Server 20XX, ricordandoci che, come diceva David Bowie, “we can be heroes, just for one dayJ

Categoria: Eventi
lunedì, 03 mar 2008 Ore. 09.35
Meteo
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003