SQL Server ed ALM su database


Il blog di Alessandro Alpi
Archivio Posts
Anno 2018

Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

TechDays WPC 2008, prime due giornate

In questi giorni si sono tenuti i TechDays WPC 2008. Si tratta di un evento molto importante, rivolto a Sviluppatori ed ITPro , che avvicina gli utenti alle tecnologie del mondo Microsoft.
Dopo una prima giornata di presentazioni e di sessioni interessanti, come quella di Nino su SOA (ricordiamo il suo usergroup connected systems), oggi ho seguito la sessione di Luca sulla protezione dei dati in SQL Server 2008.
Come al solito Luca è stato estremamente interessante e soprattutto la parte sull'Audit ha colpito tanto le persone presenti ad ascoltare.

In effetti l'audit degli eventi è una di quelle cose che un DBA dovrebbe sempre predisporre su ogni database, anche per avere un'ottima infrastruttura di monitoring delle risorse.
Tramite questa funzionalità infatti è possibile monitorare eventi di tipo SERVER o di tipo DATABASE.
Ad esempio, nel primo caso, è possibile controllare i login falliti, oppure le variazioni effettuate con sp_configure.
Nel secondo posso controllare le select di un gruppo di utenze sul database oppure le alter degli oggetti, ecc.

Dopo aver definito un AUDIT OBJECT, che si crea tramite la CREATE SERVER AUDIT.
In seguito è sufficiente creare varie SERVER AUDIT SPECIFICATION o DATABASE AUDIT SPECIFICATION.
Automaticamente verranno creati oggetti di AUDIT che registreranno gli eventi definiti dalle AUDIT specification.
Davvero molto utile ed interessante.

Altra parte importante trattata da Luca è stata quella della TRANSPARENT DATA ENCRYPTION (TDE), un nuovo metodo con cui SQL Server 2008 utile cifra il nostro database in maniera trasparente e sicura.
Alcuni vantaggi rispetto alla cifratura disponibile con SQL Server 2005 sono:

- Tutto il db viene cifrato al momento del passaggio delle pagine dei dati dalla memoria al disco (con CHECKPOINT asincrono).
- Non si deve modificare l'applicazione con metodi di criptazione/decriptazione (EncryptByKey, ecc..)

Purtroppo la funzionalità esiste solo nella Enterprise Edition .

L'encryption con TDE è un processo asincrono e si ottiene con semplici righe di codice. Partire da qui per la documentazione in linea.

Per sapere quando il db è stato cifrato completamente è sufficiente interrogare  questa management view:

SELECT * FROM sys.dm_database_encryption_keys (encryptionstate = 3, Completato)

il resultset porta con se le chiavi di tutti i db cifrati, compreso il tempdb.
Nel momento in cui cifro un qualunque database, cifro anche il tempdb.
Anche se decifro tutti i database precedentemente cifrati, il tempdb rimane cifrato fino al prossimo riavvio dell'istanza.

Il processo di TDE ha bassa priorità di CPU,quindi non abbiamo overhead significativi.

Insomma, sessione interessante.

E ora sono in attesa del pranzo qui all'Ask the Expert con Mauro.. Nel prossimo post qualche foto

Stay Tuned!

Categoria: Eventi
mercoledì, 03 dic 2008 Ore. 12.52
Statistiche
  • Views Home Page: 481.228
  • Views Posts: 867.094
  • Views Gallerie: 498.983
  • n° Posts: 484
  • n° Commenti: 273



















Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003