Praza de Cresia. In Rete dall'11\06\2006


Una spazio soglia, dentro e fuori, senza soluzione di continuità. Propone e accoglie. Parla e ascolt
Statistiche
  • Views Home Page: 490.216
  • Views Posts: 473.736
  • Views Gallerie: 8.542.450
  • n° Posts: 606
  • n° Commenti: 377
Ora e Data
Calendario
giugno 2020
lmmgvsd
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293012345
Archivio Posts
Anno 2007

Anno 2006

Samugheo. Don Silvio Mereu: il lupo di mare della diocesi arborense

A Samugheo, importante centro dell'oristanese rinomato per l'artigianato tessile, abita un lupo di mare: don Silvio Mereu. 89 primavere, sacerdote dal 1945, dei quali 20 trascorsi come cappellano nel mare dei Caraibi, a bordo delle navi Costa Crociere (1963-1983).  Un'esperienza unica, che gli ha aperto gli orizzonti sul mondo e sull'umanità. Incontrarlo e ascoltarlo è un piacere. Nel viaggio con don Alberto verso la Barbagia, si fa tappa a casa sua, poco dopo le 8. Don Silvio è già in piedi da un pezzo, avendo celebrato messa alle 7 nella parrocchiale San Sebastiano, lontana non più di 10 passi dalla sua abitazione. Sta accudendo con amore Loreto, il papagallo regalato alla sorella Nina, 23 anni fa. Nel presentargli don Alberto Espinal Ciriaco, sacerdote di Santo Domingo, i suoi occhi brillano dalla commozione. I ricordi che lo assalgono lo rituffano indietro nella memoria, al suo primo sbarco, a metà degli anni Sessanta, nella stupenda isola di Santo Domingo. Ci invita ad accomodarci, ci chiede di attendere un minuto, e si porta nella camera di sopra, da dove ridiscende con un album fotografico: "Ecco, vedi don Alberto, qui sono dinanzi alla cattedrale della Vergine dell'Incarnazione; in quest'altra, invece, sono al mausoleo di Colombo... Ah, quanti ricordi! Sono davvero contento della vostra visita". Don Silvio, colloquia tranquillamente e a lungo in spagnolo con don Alberto mentre  illustra la bellezza di questa perla dei Caraibi e, soprattutto, la grande amabilità della gente dominicana. E continua: "Sopra ho diversi album con più di 800 fotografie. Raccontano i luoghi  e la gente che ho incontrato in 20 anni da cappellano. Si tratta di un pezzo di storia particolarmente felice e significativo della mia vita sacerdotale". 800 clik in bianco e nero e a colori che meriterebbero una mostra fotografica ad hoc. Alla parrocchia e al  comune di Samugheo il compito di far conoscere alla comunità  locale e diocesana quanto uno dei suoi figli ha visto in mondi, ormai quasi mutati, e miracolosamente sopravissuti e custodi nella lucida memoria e negli 800 scatti che narrano un ventennio di un uomo e di un sacerdote che risponde al nome di don Silvio Mereu.

Categoria: preti
sabato, 12 ago 2006 Ore. 21.02

Messaggi collegati


Blogs Amici
    Mappa
    Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
    dotNetHell.it | Home Page Blogs
    ASP.NET 2.0 Windows 2003