SQL Server ed ALM su database


Il blog di Alessandro Alpi
Archivio Posts
Anno 2018

Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Resoconto Vacanze a Porto Santo

Giovedì 21 sono tornato da quell'incantevole posto che è Porto Santo. E' stata decisamente una bellissima esperienza. Per tanti motivi:
- ho conosciuto bellissima gente
- ho visitato un'isola spettacolare
- ho provato il mio primo campo da golf
- mi sono rilassato incredibilmente
- ho fatto nuove amicizie

Il ritorno è stato un po' traumatico poichè sulle carte di volo dell'equipaggio del nostro aereo non è stata segnalata la perturbazione che dopo mezz'ora di volo ci ha colti di sorpresa. I più abituati a viaggiare non si sono spaventati. Lo stesso non si può dire di Sam e di me, che eravamo aggrappati con le unghie al sedile del passeggero davanti. Sam, con sguardo truce mi guarda e dice: "Sono atterrito" . Ora fa ridere, ma sul momento, guardando l'ala impazzita, non mi ha dato un gran che di gioioso, anzi. C'è anche da dire che Paolo, col suo viaggiare in Scozia, ci ha tranquillizzati, dicendo che è del tutto normale. In effetti il pilota ha affermato che era lieve come turbolenza. Ecco, pensare di fare mille ore di volo sopra gli oceani per arrivare a seattle ad Aprile non mi appaga molto. Ma supereremo anche quella .

Che dire dell'esperienza passata?
Approfondendo i punti, vorrei dare un minimo di spazio a tutte quelle persone che hanno condiviso con me la settimana scorsa. Ma ancor prima, vorrei parlare del programma. dal 14 al 21, tutti giorni dedicati al golf. Ambientarsi, allenarsi, gareggiare, giocare, giocare, gareggiare tra di noi. Dalle 10 di mattina alle 17 con pause pranzo di mezz'ora/quaranta minuti. E credetemi, è stato veramente bello vedere tutti quei paesaggi, fotografare, camminare, parlare, PERDERE PALLINE .
E pensare che mi sentivo una persona furba per aver portato le mie 15 palline.. bene, ne ho perse 38. E chiudiamola qui .
In molti affermano che il golf NON E' UNO SPORT. Più volte mi sono scontrato con questa tesi. Magari non è superdinamico, ma per uno alle prime armi come me (il primo giorno mi sono fatto 9 buche interamente a piedi con la sacca sulle spalle - 10kg) sembra addirittura frenetico. Regolamenti incredibilmente puntigliosi, tempi da rispettare (altrimenti chi è dietro ti ammazza di pallinate ), posizioni da tenere. All'inizio un dramma, e non nascondo che non credo ancora di saper stare in campo. C'è talmente tanto da sapere che bisogna dare un esame.

Detto questo, tutta la giornata ruotava sul campo dell'isola. La compagnia a cui sono stato "affidato" il primo giorno era composta da Giovanni (quello a destra), Ale e Giorgio. Considerato il livello degli altri, non ho potuto fare altro che seguire il più possibile i loro consigli. Diciamo che un po' spaventava iniziare subito con gente già capace (Ale è il maestro) però poteva anche essere stimolante. Mi sono ambientato a fatica, ma le nostre nove buche sono passate leggere (un po' meno per me per la camminata che nominavo sopra ).
Da lì in poi i miei compagni di gioco sono sempre stati Clotilde (la Clo per gli amici) e Roberto, con la presenza della fotografa ufficiale del gruppo, Silvia(quella a destra).
Abbiamo approcciato ogni buca con una calma DISARMANTE. Addirittura Ale, guardandoci da lontano ci ha detto "siete un po' lenti" calcando su quell'un po'.. So benissimo che è un DECISAMENTE .
Il secondo giorno sono stato solo con Clo e ci siamo conosciuti un po' meglio. E' stata la mia maestra per i regolamenti ed il comportamento in campo, così come già Giovanni aveva fatto il giorno prima. Il terzo giorno, Robby si è unito a noi, mentre Silvia girovagava per tutte le 18 buche e per l'isola in generale per cogliere l'attimo dello scatto. Ne ha fatti di chilometri!
Ho avuto quindi modo di conoscere meglio anche Roberto e la sua compagna, e devo dire che queste tre persone (Clo compresa) mi hanno fatto passare piacevolissimi pomeriggi costellati di risate e spensieratezza.
Tutte le giornate hanno seguito la stessa linea, svegli presto per praticare una mezz'ora, prime 9 buche, pranzo, seconde 9 buche. A volte dopo le 18, non contento mi fiondavo a provare il putter e qualche approccio e addirittura un paio di volte ho tentato di fare le nove buche pitch & putt.. Quelle buche che in teoria ti consentono di arrivare in grin con un colpo e di chiudere la buca col putter. Anche quelle, che sembravano "più facili" sono state veramente ardue per un novellino come me.
Alcuni di noi facevano addirittura due volte il giro delle 18 , impensabile per me!
Il penultimo giorno ho avuto occasione di giocare anche con Maurizio B il quale mi ha fornito un paio di consigli utili sull'utilizzo di un "bastone" a me sconosciuto. L'ibrido 24 gradi.. Cavolo se tira . Scherzandoci su mi ha fatto raggiungere il green della 18 in pochissimi colpi. Ero molto soddisfatto.
Queste sono le persone con cui direttamente ho interagito durante la settimana in campo, ma il gruppo era ben più vasto: Pier, Maurizio C, Sam, Paolo.. Spero di averli nominati tutti!

Nella maggior parte dei casi di sera si andava a cena fuori, al pub (non tornavamo nel migliore degli stati ) per gustare pesce, carne e il grande PANE BURRO E AGLIO il cui nome mi sfugge in questo momento (qualcosa tipo Bolo de Ca.... mah.. chi se lo ricorda). Di quello ne mangiavamo "come se piovesse". I miei compagni di bevute, brindisi, birre e sambuca sono stati sicuramente Ale, Sam e Paolo. L'ultima serata al pub si è unita a noi anche Clo, e sinceramente, credo di non aver mai riso così tanto in una sola sera. Paolo era lanciato, riusciva ad improvvisare cavolate con una semplicità incredibile (Come dimenticare "Ho una felpa della best company in bocca" ). Quando Paolo spara, Ale e Clo ridono come i dannati.. E questo crea un'atmosfera coinvolgente alla quale nessuno si pò sottrarre.. Le matte risate! Sam invece si è distinto, oltre che per la frase "non si guarda eh!", per le notti e le preuscite per le partite di Ping Pong. Ale e lui hanno monopolizzato la sala giochi con partite indescrivibili. Ma ore eh, mica poco tempo . C'era pieno di bimbi che piangevano perchè non potevano giocare. Poverini..
Durante la settimana poi abbiamo conosciuto anche alcuni nuovi amici, Cristina e Matteo, Daniele e Monica, e il grande Gigi (è quello a sinistra). Le prime, due coppie, una di Biella ed una di Ravenna. Gigi è di Milano, ed è più ricco di aneddoti lui (coi suoi camion ed i suoi motorini) di qualunque essere umano sulla terra . Anche grazie a loro le nostre serate sono state divertenti e ricche di risate.
Che dire quindi, tutto positivo, non c'è dubbio, se non che ho solo una nota negativa da aggiungere. Paolo, mentre faceva una lezione a Matteo mi ha rotto il ferro 7 (quasi in testa a Matteo) anche se dice che non è colpa sua.. se se.. certo. Come no ! A parte gli scherzi, giusto stasera sono andato a farmi rimborsare la sacca. Mi prendo dei ferri nuovi!!!
Spero di non aver dimenticato nessuno, perchè ogni persona mi ha dato qualcosa in questa vacanza e sono stato triste nel rientro a casa, anche se so che quelle persone le continuerò a vedere. Ma l'atmosfera là è tutta un'altra cosa.
Quindi Grazie ad Ale per avermi invitato alla vacanza e grazie a tutti per l'esperienza. Robby lo rivedrò spesso (mitico!!) nel suo negozio in centro a Parma, che ora andrò a visitare per benino. Con Silvia ho già parlato di una cena come si deve da lei con Robby e la mia ragazza. Clo, Paolo e Sam dovranno sorbrisi i miei SMS e Ale, mi tocca vederlo fino a che non diventerò un giocatore decente . Lui ci prova ad allenarmi, ma non sa alla difficoltà a cui va in contro .

Buonanotte!
Stay tuned!


Categoria: Varie
lunedì, 25 feb 2008 Ore. 16.03
Statistiche
  • Views Home Page: 479.122
  • Views Posts: 864.532
  • Views Gallerie: 498.859
  • n° Posts: 484
  • n° Commenti: 273



















Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003