Artblog


Il blog quasi open source...

8. Museum - Il museo letterar-teatrale di Renato Carpentieri


Si è appena concluso, fedele come ogni anno, l’appuntamento più raffinato dell’estate napoletana: Museum, il progetto teatrale ideato da Renato Carpentieri e dalla compagnia Libera Scena Ensemble.

 

Gli spettacoli di Museum si svolgono di mattina, quando il sole, il suono delle rondini, i rumori della città bassa avvolgono i luoghi della Certosa dove sono ambientate le pièces, le sale interne o le terrazze e i chiostri all’aperto che sono splendide co-protagoniste delle azioni teatrali.

 

Come descrivere Museum? Si tratta di un’esperienza, ormai felicemente pluriennale, di interazione tra un luogo d’arte – il Museo della Certosa di San Martino a Napoli – e un linguaggio d’arte – quello teatrale. Ma forse le intersezioni non finiscono qui. C’è quella con la letteratura.

 

Sì, perché Carpentieri e gli altri autori di Museum hanno da sempre scelto di non fare teatro con testi teatrali: creano drammaturgie a partire da testi narrativi (dai grandi capolavori di tutti i tempi ad opere meno note) e da storie di vita di artisti, scrittori, pensatori.

 

Qualche esempio degli spettacoli messi in scena in questi anni: Dialogo di Tristano e di un amico (Museum 1999, dalle Operette morali di Leopardi), Omaggio a Kant (2004, Immanuel Kant in interno-casa ci parla del suo ‘matrimonio’ con la filosofia – un Renato Carpentieri mattatore), Omaggio a Maria Di Majo (2005, struggente ricordo della moglie di Raffaele Viviani), Panurge (2001, dal Gargantua et Pantagruel di Rabelais), Il nipote di Rameau (1999, dal romanzo di Diderot).

 

Le 9-10-11 pièces allestite sono atti unici e durano circa 50 minuti; ogni giorno lo spettatore può sceglierne 3, da vedere una dopo l’altra.

La tentazione di tornare per assistere agli altri spettacoli è forte: impossibile resistere.

 

Nell’edizione di quest’anno particolarmente apprezzabili sono stati William Wilson (da E. A. Poe), Il giovane Holden (da Salinger, l’ironica e autoironica denuncia dell’idiozia alto-borghese, molto convincente Pietro Pignatelli nel ruolo di Holden), e Città di mare con abitanti, dall’omonima raccolta di racconti di Luigi Compagnone, satira corrosiva e visionaria della città – il titolo mostra – di Napoli.

 

 

Museum – VIII edizione

Sale teatrali per un museo mentale

Ogni anno nel mese di giugno

Certosa di San Martino, Napoli

 

Link

Libera Scena Ensemble

Dalla home si accede all’archivio con gli abstract di tutti gli spettacoli di Museum

 

Leggi l'articolo completo su Whipart.it

http://lnx.whipart.it/html/articolo-1700.html


martedì, 04 lug 2006 Ore. 19.16
Archivio Posts
Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006
Statistiche
  • Views Home Page: 38.834
  • Views Posts: 308.737
  • Views Gallerie: 0
  • n° Posts: 26
  • n° Commenti: 17
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003