Praza de Cresia. In Rete dall'11\06\2006


Una spazio soglia, dentro e fuori, senza soluzione di continuità. Propone e accoglie. Parla e ascolt
Statistiche
  • Views Home Page: 506.896
  • Views Posts: 486.341
  • Views Gallerie: 8.988.850
  • n° Posts: 606
  • n° Commenti: 377
Ora e Data
Calendario
gennaio 2021
lmmgvsd
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Archivio Posts
Anno 2007

Anno 2006

Vicario generale cercasi. Spunti di riflessione

        Tra i compiti più importanti che un vicario generale è chiamato a svolgere in una diocesi,
vi è di certo quello di fungere da “sacerdote-ponte”, qualificato e autorevole, tra il vescovo e il presbiterio e viceversa. Se è vero che il vicario deve godere della stima di chi lo sceglie, è altrettanto vero che non deve essere inviso ai suoi confratelli.  Mai deve prestarsi ad essere incudine e mai deve lavorare a far sì che il vescovo che lo ha scelto diventi martello (consapevole o inconsapevole) nei riguardi di quanti manifestano opinioni diverse dalle sue.

        Il suo compito invece è quello di favorire, suscitare e sostenere l’impegno pastorale e comunionale in diocesi. Di seguito alcuni requisiti essenziali per non credersi ma essere vicario generale:
1. E' consapevole, prima e durante, di essere non al di sopra dei confratelli ma al servizio di questi e del vescovo, che lo sceglie unicamente per aiutarlo nel servizio pastorale, volto alla crescita comunionale nella diocesi;
2. S’industria nel saper andare incontro agli altri e coltivare un dialogo franco e senza  pregiudizio alcuno con tutte le componenti ecclesiali e a maggior ragione coi confratelli presbiteri;
3. Rifugge dal parteggiare a priori per una delle due parti. Lavora, invece,  con spirito di carità al perseguimento del bene e nella verità, mediando le ragioni dei confratelli e quelle del vescovo;
4. Aiuta il suo vescovo a saper dare il meglio di sé;
5. Qualora i suoi confratelli non riescano a riconoscere in lui un principio di dialogo e comunione tra loro e il vescovo, s’impegna a lavorare per una soluzione che porti al superamento della frattura, facendosi anche umilmente da parte.
       Senza tali qualità, e sicuramente anche di moltre altre, il ministero di vicario generale più che favorire la comunione costituisce un serio impedimento a questa, con tutte le conseguenze deleterie che si possono immaginare.
Categoria: vicario generale
lunedì, 12 giu 2006 Ore. 11.33
Blogs Amici
    Mappa
    Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
    dotNetHell.it | Home Page Blogs
    ASP.NET 2.0 Windows 2003