Bit a bit, si cresce sempre


Blog di un ingeformatico

Statistiche
  • Views Home Page: 371.433
  • Views Posts: 1.273.238
  • Views Gallerie: 468.082
  • n° Posts: 514
  • n° Commenti: 292
Ora e Data
Archivio Posts
Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

Kiwie Five-Book 2 – Si può fare di meglio

Da un po’ di tempo sto provando il mio primo ebook reader reale (trascurando l’uso dei Pdf negli smartphone tipo Nokia N8 o E7), il Kiwie Five Book II commercializzato dalla società DoubleCrazy, che ha sede in provincia di Varese.
http://www.doublecrazy.it/
La sua particolarità è di avere un visore da 5 pollici a colori ed un prezzo piuttosto contenuto, poco sopra i 100 euro.

Nell’immagine qua sotto le specifiche tecniche e dimensionali del reader.

La sua capienza è di 1,5 GB, che non sono tantissimi. Potrebbero bastare se fosse solo un ebook reader, ma dato che è annoverato anche come riproduttore video, basta caricare un film e siamo già al completo.
La capacità totale di storage sarebbe di 2 GB, ma una parte di essa è occupata dal sistema operativo e da 50 libri di natura classica in formato Pdf, precaricati e resi subito disponibili all’utente.
Avendo un monitor di tipo TFT, a differenza della maggior parte degli altri ebook reader presenti in commercio, questo FiveBook si può utilizzare anche al buio, grazie alla retroilluminazione.

Purtroppo le buone notizie terminano qua.
Nell’uso normale si è rivelato molto deludente.
Innanzitutto i pulsanti presenti nella parte bassa dell’apparecchio.

L’usabilità di questi tasti è ai limiti della scomodità più totale.
Ci sono troppe frecce, non è chiaro lo scopo e l’effetto di ognuna di esse.
Spesso si va a tentativi, sperando solo nella buona sorte.
Complica le cose anche l’effetto ritardato. Passa troppo tempo tra il clic su una rotellina e il suo effetto nel lettore.
Un’esperienza frustrante, mitigata (forse) solo dall’uso frequente, in modo da sapere a priori cosa succederà dopo aver effettuato un’operazione.
Se si preme un pulsante (di avanzamento o altro) durante la riproduzione di un video si corre il rischio di pregiudicarne la restante fruibilità. Si perde il sincronismo tra immagine e audio, col risultato che il parlato si percepisce con qualche secondo di ritardo rispetto a ciò che mostra l’immagine.

Durante questa operazione vengono visualizzati delle icone in stile videoregistratore sul display, e verrebbe istintivo cliccarci sopra per gestire gli spostamenti in avanti e indietro e pausa della visualizzazione.
Però il display non è touchscreen! Quindi a che serve mostrarli?

Come lettura documenti non viene supportata l’estensione .docx di Office 2007/2010, meglio saperlo prima.
I tempi di caricamento, sia dei documenti, che dei video, ed anche di accensione del lettore, sono esageratamente lunghi. E ciò non è spiegabile considerando la semplicità del sistema operativo a bordo dell’apparecchio.

Anche le traduzioni di alcune voci sono approssimative.
Ad esempio, nel caso si riprenda la visualizzazione di un video, appare la scritta:
“Sei sicuro di riproduzione l’ultima posizione?”

Il software è anch’esso dello stesso, scarso, livello.
Ecco come appare in un sistema Windows 7 il lettore collegato.

Viene visualizzato con caratteri incomprensibili, segno inequivocabile che necessita di un aggiornamento nel firmware, e che perlomeno non è stato testato a sufficienza prima di essere messo in vendita.

Nel pur risicato spazio disponibile sul lettore, anche la semplice copia di un file nemmeno tanto grosso (qualche decina di MB), stranamente, può richiedere tempi biblici, come si vede dall’immagine qua sotto.

Cosa lo fa “viaggiare” a così basse velocità?
Ho fatto diverse prove, sia con file piccoli che grandi, è sempre la velocità di trasferimento si è mantenuta su livelli incredibilmente bassi.
La lettura dei Pdf, che dovrebbe essere il punto di forza di un ebook reader, si dimostra parecchio sconfortante come la riproduzione dei video.
Troppo lenti sia lo scorrimento che il rendering del documento stesso.
Se poi l’utente si vuole arrischiare nell’ingrandire i caratteri, che si aspetti lunghissimi tempi di attesa.

Nella confezione manca l’alimentatore. D’accordo che si può sempre ricaricare con il cavo dati collegandolo al portatile, ma un alimentatore è di solito sempre presente in tutti gli apparecchi di questo genere.

Non si riesce nemmeno a capire se il dispositivo è in carica o meno, anche cliccando e tenendo premuti i pulsanti di alimentazione e scorrimento.

Il manuale di istruzioni è troppo sommario e schematico. Innanzitutto è di un formato piccolissimo, quasi da francobollo. L’immagine che dovrebbe (uso il condizionale) mostrare lo scopo dei pulsanti è talmente piccola che servirebbe una lente di ingrandimento per scorgerne i numeri che distinguono le funzioni delle rotelline dei pulsanti.

Una delle poche note di merito è il poter ascoltare un mp3 mentre si visualizza un Pdf (ad esempio), ma è una magra consolazione.

Insomma, come si può intuire non sono rimasto soddisfatto da questo prodotto.
L’idea originale era buona: un lettore multimediale (non solo reader di Pdf) a tutto tondo con display a colori, di formato tascabile e dall’estetica piacevole.
Il tutto ad un prezzo abbordabile, ancora meno del Kindle di Amazon.
Ma tutto ciò è stato vanificato da una pessima scelta del software di gestione e dai pulsanti di navigazione, quanto di meno “user-friendly” si possa trovare ora sul mercato.

Sono certo che la Kiwie ha in cantiere prodotti migliori, e vorrei pensare che questo Five-Book 2 sia stato solo un incidente di percorso.
E soprattutto mi piacerebbe recensire qualche altro loro prodotto di un qualità degna della loro professionalità.

Categoria: Tecnologia
lunedì, 09 mag 2011 Ore. 11.00
Copyright © 2002-2007 - Blogs 2.0
dotNetHell.it | Home Page Blogs
ASP.NET 2.0 Windows 2003